AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 26 ottobre, quando lascerà il posto al numero 229. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di proverbi romaneschi: -Li mejo bocconi sò der coco - Fà del bene all'asini che ce ricevi i carci in panza - Ci va a dormi col culo che je rode, se sveja cor dito che je puzza - A l'omo de poco faje accenne er foco - Più la capoccia è vòta , più la lingua s'allunga - Acqua passatas non macina più - Daje eddaje pure li piccioni se fanno quaie - Li sordi so' come li dolori, chi cellà se li tiene - Fidate del ricco impoverito, non te fidà del povero arricchito ---

Rubrica: Racconto

Camera dei Deputati in un'isola che non c'è,
ma che sollievo se si riuscisse a trovarne una così

La battaglia

(persone e fatti sono immaginari)

di Ruggero Scarponi

La battaglia

Quando la parola Onorevole aveva un altro valore...

Leggi tutto

Il Fabbro...ed altri

Tra i ricordi dell'infanzia

di Agnolo Camerte

Il Fabbro...ed altri

Sai Cesarino che ancora mi ricordo i rumori, gli odori pungenti, la polvere nera del carbone, il ferro incandescente che sprizzava lapilli in giro, ad ogni colpo di mazza….

Leggi tutto

Erinaceus - riccio comune

La strage degli innocenti

Contribuiamo con un po’ di attenzione
a preservare una specie utile
nel controllo della proliferazione di insetti e topi

di Ruggero Scarponi

La strage degli innocenti

Per i simpatici animaletti la tentazione era irresistibile. Qualche volta, specialmente gli animali più giovani, si erano spinti fino ai bordi della strada rischiando il lungo musetto appuntito sotto le ruote di qualche automezzo.

Leggi tutto

Rilancio di un etto!

di Agnolo Camerte

Rilancio di un etto!

Alzai gli occhi e a cinquanta metri di fronte vidi uno degli spettacoli più belli della natura. Una piantina di frassino “ricamata” dalla galavernia.

Leggi tutto

Piccole storie clandestine – 2

Una fortuna sfacciata

di Ruggero Scarponi

Leggi tutto

piccole storie clandestine - 1

Shary

di Ruggero Scarponi

Shary

...ne ho conosciuti tanti. Ho stretto tutte le loro mani. Ho mangiato con loro il pane con la cipolla e i pomodori e il riso speziato...

Leggi tutto

Contrappunti semantici

di Ruggero Scarponi

Leggi tutto

La biscia

di Ruggero Scarponi

La biscia

Le ruspe dell’edilizia popolare l’ avevano risparmiato e tutto intorno a questo mondo quasi sperduto dominato dalle semplici leggi della natura si alzava minaccioso qualche rado palazzone della periferia urbana, stracolmo di umanità.

Leggi tutto

L'evoluzione del virus

Avviso importante
Per leggere o ascoltare questo racconto è prudente indossare una mascherina di protezione.

di Ruggero Scarponi

Fernandino Romani sospettò di essere portatore sano di una rarissima forma di malattia infettiva il giorno stesso dell’esame di licenza liceale.

Leggi tutto

La zia Gerda

Di tanto in tanto preso da un impeto improvviso, socchiudeva gli occhi
e apportava rapido, con la matita, minuscole correzioni

di Ruggero Scarponi

La zia Gerda

Helmuth si mise a osservare con pignoleria il gioco dei lunghi capelli di Gerda, sapientemente raccolti in una vaporosa crocchia dalla quale ricadevano, ribelli, lunghi riccioli biondi, di lato sulle tempie e sulle gote rosate.

Leggi tutto

ANIMALIA - Se raccogliete un cane affamato e lo nutrite non vi morderà: Ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) - Chi ha creato i gatti si poteva permettere di sbagliare tutto il resto (M. Migliaccio) - I gatti sono tutti quanti liberi professionisti (Sy Fisher) - Quando un uomo uccide una tigre, lo chiamano sport, quando viene ucciso dalla tigre la chiama ferocia (G.B.Shaw) - Coloro che uccidono gli animali per mangiarne le carni saranno più inclini dei vegetariani a massacrare i propri simili (Pitagora) - Ciò che distingue il genere umano dal regno animale è che in quest'ultimo è sconosciuta la malvagità fine a se stessa (A. Morandotti) - Dobbiamo svuotare le gsbbkie, non renderle più grandi (T. Regan) - L'intelligenza è negata agli animali solo da coloro che ne possiedono assai poca (A. Shopenhauer) -----