AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 agosto, quando lascerà il posto al numero 224. BUONA LETTURA A TUTTI - ORA, PER VOI AMANTI DEGLI ANIMALI : E' una gran vergogna spargere il sangue e divorare le belle membra di animai ai quali è stata tolta violentemente la vita (Empedocle) - La caccia, se non è per la sopravvivenza, è una forma di guerra (J. W. von Goethe) - L'uomo si differenzia dagli animali perchè è assassino ( E. Fromm) - Torturare un toro per il piacere, per divertimento, è molto più che torturare un animale, è torturare una coscienza ( V. Hugo) - Un gatto non dormirebbe mai sopra un livbro mediocre (H. Weiss) - Il cane è la virtù che, non pogtendo farsi uomo, s'è fatta bestia (V. Hugo) - Se raccoglierete un cane affamato e lo nutrirete non vi morderà, ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) -

Rubrica: Poesia

Versi per Samantha Cristoforetti
in viaggio nello spazio

Il Mondo Nuovo

Anna Manna Clementi

Leggi tutto

Gli imperdonabili

Pier Paolo Pasolini (1922 - 1975)

Alla mia nazione

Leggi tutto

Instabilità della percezione

di Antonio Bruni

Leggi tutto

Benedetta la città che fonda un teatro
(Edward Bond)

Il teatro dei sogni

Sarah Zuhra Lukanic

Leggi tutto

Gli imperdonabili

Camillo Sbarbaro
(1888 - 1967)

Svegliandomi il mattino

Leggi tutto

da "Settegiorni dagli Erei al Golfo"

Mentre Cammino

di Socorro Duran

Leggi tutto

da "Settegiorni" dagli Erei al Golfo

Nel silenzio

di Graziella Carletti

Leggi tutto

gli imperdonabili

Gabriele d'Annunzio
(1863 - 1938)

La sera fiesolana

Leggi tutto

Rosa tra i sassi

A Matera

di Anna Manna Clementi

Leggi tutto

Gli imperdonabili

Agnolo Poliziano (1454 - 1494)

Leggi tutto

Gli imperdonabili

Mario Luzi (1914 – 2005)

Leggi tutto

Poesie di un nuovo inizio

Parole per nascere

Marco Guzzi – Edizioni Paoline

Leggi tutto

Questa notte testarda

di Nadezhda Slavova

Leggi tutto

Gli imperdonabili

Sergio Corazzini
(1886-1907)

Per organo di Barberia

Leggi tutto

PROVERBI ROMANESCHI - Rigalà èmmorto, Donato sta ppe' morì, Tranquillo se lo so n'groppato e Pazienza sta ar gabbio - La farfalla tanto gira al lume finchè s'abbrucia l'ale - Er gobbo vede la gobba dell'antri gobbi ma nun riesce a trovasse la sua - Oro e argento in core, mànneno a spasso fede, speranza e amore - Cent'anni de pianti nun pagheno un sordo de debiti - Qanno te sveji cò quattro palle, er nemico è alle spalle - Non sputà in cèlo che te ricasca 'n bocca! - Mejo puzzà de vino che d'acqua santa -