#134 - 21 settembre 2015
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1 lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo cos alto da giustificare metodi cos indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il pi piccolo degli animali una delle pi nobili virt che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuer a massacrare gli animali non conoscer ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo il pi crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Fotografia

« La fotografia ha senso solo se esaurisce tutte le immagini possibili » Questa frase di Calvino è evocata in
« La Chambre claire », che ha come sottotitolo « note sur la photographie » e Roland Barthes aggiunge:
« Qualsiasi cosa dia da vedere e qualunque sia la sua maniera, una foto è sempre invisibile :
non é essa che vediamo».

MLAC - Università La Sapienza - Roma

Ossessione dello sguardo

« Le riprese, come oggetto e come traccia, rivelano questa
ossessione dello sguardo, de l’«esattezza » e della «visibilità»,
che è al centro dell’opera calviniana. »

Resta aperta fino al 30 settembre presso il Museo Laboratorio di Arte Contemporanea (MLAC) dell’ Università La Sapienza di Roma, la mostra fotografica “Ossessione dello sguardo” in omaggio ad Italo Calvino.

Il proposito della mostra, curata da Renata Tartufoli, non è quello di mettere in relazione l’opera di Italo Calvino con dei fotografi per tentare d’illustrane il contenuto, non è un tentativo d’accordare questi due medium, di metterli in armonia, ma di offrire alla riflessione dei visitatori una varierà di fotografie, appartenenti a dei generi differenti, partendo dal punto di vista calviniano sull’arte visiva e il posto ambiguo che l’autore di “L’avventura di un fotografo” accorda alla fotografia in particolare nel campo artistico.

Ossessione dello sguardo

La mostra indica a che punto la soggettività e l’oggettività fotografiche siano mischiate e si fondano che si tratti d’arte o di scienza, raggiungendo così il proposito letterario di Calvino che ha così bene accordato immaginario e realtà. Il proposito della mostra sarà di tentare di fare «la part des choses » tra la pluralità degli sguardi, sia dissociati sia mescolati, che animano l’opera di Calvino. La fotografia è dunque presentata nella varietà dei suoi aspetti, da un lato quelli che tendono all’obiettività e, dall’altra, quelli che rivendicano la soggettività. Le fotografie di Eugène Atget s’affiancano a quelle del dipartimento dell’ École Française di Roma e a quelle delle collezioni di fotografie scientifiche del Cnrs e dell’Institut Pasteur. Questa presenza della scienza si deve mettere in relazione con la formazione di Calvino, la madre botanica, diplomata in matematica e scienze naturali, il padre agronomo. L’influenza familiare ebbe certamente un ruolo importante nella sua tendenza alla sperimentazione. L’aspetto soggettivo della fotografia è rappresentato da opere contemporanee di varie tendenze.

Sono esposte le opere fotografiche di Eugène Atget, Bernard Plossu e Damien Darchambeau, per quanto riguarda la fotografia artistica; mentre per la fotografia scientifica avremo le collezioni del Cnrs Images, dell’Institut Pasteur Paris, e dell’École Française de Rome.

    Ufficio stampa  - Stefania Valente   artepressroma@gmail.com
AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.