#133 - 14 settembre 2015
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero resterŕ  in rete fino a venerdi 3 giugno quando cederŕ  il posto al n° 274. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere č uno che vi presta l'ombrello quando c'č il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente č che si puň fare l'imbecille, mentre il contrario č del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Editoriale

La marcia

di Dante Fasciolo

Visti dalle sdraie estive in fila sulle spiagge assolate
sono state scavalcate con leggerezza
le vicende degli scontri in medioriente
e l’esodo luttuoso dei fuggiaschi
lungo le rotte della speranza mare-terra.

Ma l’estate è finita, e la realtà si ripresenta più dura
con le immagini drammatiche di ogni giorno,
brandelli di umanitĂ  anonima e dolente,
che vuole credere ancora al Verbo:
“ama il prossimo tuo come te stesso”.

Lenta è la risposta dell’Europa opulenta,
e sebbene l’abdicazione di pochi a lungo ha invocato
un aiuto concreto di fratellanza ai pigri, ai dormienti, ai refrattari,
non pochi governi si ostinano ancora a non capire
che l’imperativo è “salvare la vita”.

Come impacciati clown del circo dell’incomunicabilità,
molti capi di governo hanno risposto vergognosamente
con barriere di ferro spinato, maltrattamenti e respingimenti
emuli degli abissi conosciuti in un recente passato;
un lucchetto al cuore contro la solidarietĂ .

Se qualche spiraglio s’apre, benvenuto,
non ci si illuda che la marcia verso un futuro migliore
presto potrà finire…non sarà così facile.
Da troppo tempo fame, guerre, ingiustizie,
sono gestite in larga parte del mondo del sud da poteri massacranti.

L’occidente, l’Europa, il mondo del nord
troppo a lungo hanno lasciato mano libera e a volte aiutato
despoti e dittatori in cambio di sfruttamento delle risorse,
e in nome del libero mercato e della geopolitica
troppe volte si sono macchiati di sangue.

I tempi sono cambiati.
La consapevolezza dei poveri e degli oppressi è in marcia;
seppure offesi e arrabbiati, sventolano bandiere di pace.
L’uomo è nato per essere libero,
confini e barriere dovranno rivedere il loro gioco.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit č realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessitŕ di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietŕ tra singoli e le comunitŕ, a tutte le attualitŕ... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicitŕ e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.