#130 - 1 giugno 2015
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero rester in rete fino a venerdi 3 giugno quando ceder il posto al n 274. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere uno che vi presta l'ombrello quando c' il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente che si pu fare l'imbecille, mentre il contrario del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Arte

Gli austeri locali del Museo Civico di Albano Laziale hanno ospitato la recente mostra di pittura di Letizia Cavallo.
I reperti, carichi di storia e di fascino, hanno sottolineato la presenza delle colorate tele riunite sotto un titolo suggestivo: "I luoghi ritrovati" che non evoca le antiche vicende del territorio, ma narra della personalità dell'artista, che sceglie la via dell' "introspezione', in cui pervade un forte spirito verso un 'vissuto tramandato' ancorato ai luoghi della memoria, l'uno e gli altri riletti in chiave pittorica con accurata minuzia di particolari - come sommariamente ricorda Alessandra Lupo in catalogo - laddove la semplicità, la grazia e la raffinatezza riflettono contenuti latenti dell'animo, rassicuranti".

Uno sguardo d'insieme

Musicalità
tra Memoria e Poesia

nelle tele di Letizia Cavallo

di Dante Fasciolo

Musicalità
tra Memoria e PoesiaMusicalità
tra Memoria e Poesia

Come un maturo direttore d’orchestra, eretto sul podio,
composta e decisa, braccio alzato
per richiamare l’attenzione al suo “la”,
una figura di giovinetta sobriamente vestita
di trasparente rosa si accinge a dare il via
alla sinfonia di colori che la circonda.

Potrebbe essere questa l’immagine simbolo
che riassume il lavoro di pittura
che Letizia Cavallo va dispiegando
con saggezza e sensibilità
lungo un itinerario artistico ove la semplicità si impone
come valore aggiunto dell’armonia stilistica.

Musicalità
tra Memoria e PoesiaMusicalità
tra Memoria e Poesia

E una vera musica sembra suggerirci lo sguardo
quando si inseguono sfumate campiture
e occhieggianti pennellate di vivace colore,
determinanti al fine di evidenziare i tratti
che più caratterizzano ogni singolo lavoro,
sottolineandone significati oltre l’apparente.

Musicalità
tra Memoria e PoesiaMusicalità
tra Memoria e Poesia

La natura la fa da padrona, innegabile…
alberi e fiori campeggiano con intrecci discreti
e lasciano spazio a sobrie figure umane,
còlte in operosi momenti di vita quotidiana,
sorprese e tuttavia consapevoli della centralità
che spetta loro rappresentare sulla scena.

Musicalità
tra Memoria e PoesiaMusicalità
tra Memoria e Poesia

La presenza soprattutto di donne e bambini
trascinano memoria e poesia di teneri ricordi giovanili:
il gioco e la spensieratezza, l’impegno e l’attesa,
i silenzi e il desiderio di un prossimo venturo
da cavalcare come l’onda lunga di un tumultuoso oceano.

Musicalità
tra Memoria e PoesiaMusicalità
tra Memoria e Poesia

Musicalità
tra Memoria e PoesiaMusicalità
tra Memoria e Poesia

Ecco allora sfilare le immagini,
come lo srotolarsi di una trama, sottilissimo refe
che riannoda madri protettive e giochi di ragazzi,
tenerezze e incanti involati in un caleidoscopio di colori,
ritratti che traspirano sapienza pittorica,
timidezze dei paesaggi al femminile tra camouflage e sinuosità.

Musicalità
tra Memoria e PoesiaMusicalità
tra Memoria e Poesia

Il respiro profondo del mare è ora restituito
alla nostra immaginazione e al nostro sentire
attraverso estrose architetture di bianche conchiglie
che emergono come lontana eco:
aereo pentagramma che scioglie la sue note
tra i colori della silenziosa, paziente montagna in attesa.

Musicalità
tra Memoria e PoesiaMusicalità
tra Memoria e Poesia

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.