#128 - 11 maggio 2015
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero resterŕ  in rete fino a venerdi 3 giugno quando cederŕ  il posto al n° 274. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere č uno che vi presta l'ombrello quando c'č il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente č che si puň fare l'imbecille, mentre il contrario č del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Editoriale

EXPO 2015

di Dante Fasciolo

Il cibo occupa la scena della comunicazione.
Mai come in questo ultimo periodo di tempo
si è parlato così tanto del cibo e dell’alimentazione.
Non sempre a proposito, anzi…

Ma tant’è, non bastassero le mielose trasmissioni TV,
le cui rappresentazioni tutto fanno
meno che dare un senso al bisogno di nutrirsi
e all’opportunità che tale bisogno sia commisurato
a prodotti, a regole di mercato ed etica sociale…
ecco piombarci addosso, dopo mesi di
bombardamento mediatico dell’attesa,
l’Expo milanese con la sua roboante macchina pubblicitaria,
con la sua prepotente moltiplicazione di appelli,
con il suo apparato affaristico-commerciale,
col suo insieme di eccessiva affabulazione.

“Nutrire il pianeta - Energia per la vita”
lo slogan che accompagna la kermesse milanese
esce mortificato
dai mastodontici padiglioni
dove ardite, improbabili architetture; mal digerite culture;
rattoppate presenze stilistico-artistiche
vogliono far credere che la fame nel mondo sarĂ  eliminata,
che la ridistribuzione alimentare
sarĂ  equa e raggiungerĂ  ogni lontana esistenza,
che ciascun uomo di questa terra
avrĂ  calorie sufficienti ed equilibrate per vivere,
che ogni produzione sarĂ  salvaguardata,
che le multinazionali dell’agro-alimentare
rinunceranno ai vergognosi, rapace profitti,
che i campi saranno dati a chi li lavora,
che i contadini potranno benedire il frutto del loro lavoro
e conservare i loro semi per la prossima stagione.

Ben venga l’Expo 2015
per chi crede e per chi lavora in questo senso:
una “Carta di Milano” è stata copiosamente firmata.
Sapremo a breve se le intenzioni vedranno la luce.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit č realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessitŕ di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietŕ tra singoli e le comunitŕ, a tutte le attualitŕ... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicitŕ e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.