#342 - 16 dicembre 2023
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Arte

Un artista lontano dalle correnti e dalle tendenze artistiche

Carmine Cecola

di Cinzia Folcarelli

In occasione del centenario dalla nascita, la Arte Borgo Gallery di Roma, diretta da Anna Isopo, ospita una esposizione personale retrospettiva dell’artista molisano Carmine Cecola (Monteroduni, (IS) 1923 - Roma 2021). Fortemente voluta dalla figlia Adelina e dalla moglie Milvia Soria, la mostra è curata da me, insieme a Lorenzo Canova e Tommaso Evangelista, e sarà visitabile fino al 29 dicembre 2023.

Carmine Cecola

Nell’arte di Cecola la linea, fluida ed essenziale, è protagonista, sia nelle opere figurative che in quelle astratte. Figurazione ed astrazione si intrecciano continuamente nella sua carriera artistica, portando il Maestro ad una sintesi formale che è alla base della sua cifra stilistica.

Vissuto in anni che hanno visto moltiplicarsi a dismisura correnti e tendenze artistiche, egli non si è mai legato ad un movimento o ad un gruppo, preferendo lavorare da solo, nella tranquillità del suo studio. Attento conoscitore della storia dell’arte e degli artisti che l’hanno preceduto e a lui contemporanei, Cecola ha tuttavia uno stile personale ben definito, che rende le sue creazioni uniche.

La sua indole riservata non lo ha certo aiutato nel difficile mondo dell’arte, ma il suo cercare l’arte vera, quella che non si abbandona alle mode del momento, fa di lui un vero artista, capace di elaborare, nelle sue opere, caratteristiche stilistiche inconfondibili. Ne è stata testimonianza la grande affluenza di pubblico e esponenti del mondo artistico durante l’inaugurazione della retrospettiva.

Carmine Cecola

La forza plastica che emerge dalle sculture di Cecola è data dalla linearità della forma. Le sue figure hanno un sapore arcaico. Le pose scelte dall’artista sono sempre molto naturali e nessun ornamento o simbolo connota le figure stesse o le inserisce in un contesto, così che risultano eterne. Nella sua produzione artistica i nudi di giovani donne, le bagnanti e le ballerine rivestono ruoli importanti. Le figure femminili sono slanciate, dalla linea affusolata. Le gambe, solitamente snelle, si concludono nell’ampio bacino, simbolo di maternità, mentre la parte superiore del corpo torna ad essere minuta. I visi sono essenziali, i tratti somatici sono appena accennati, così che ad essere rappresentata non è una donna in particolare, ma la donna, la bagnante, la ballerina.

Esemplare di questa produzione è Ballerina del 1957, esposta in mostra, scultura in bronzo, che ha partecipato a diverse mostre e che l’artista non ha mai voluto vendere, nonostante le numerose proposte ricevute. Soltanto i capelli, che sono stati raccolti sulla sommità del capo, fanno pensare ad una ballerina. I tratti del volto sono appena accennati, gli occhi sono incisioni orizzontali: è come se la luce accecante dei riflettori avesse fatto svanire le fattezze del viso della donna.

Carmine CecolaCarmine Cecola

La ricerca delle linee essenziali della figura umana incentrano tutta la sua produzione. Interessante è la metamorfosi che proprio la figura umana subisce passando dalla raffigurazione oggettiva della figurazione a quella soggettiva dell’astrazione. In particolare per un tema a lui molto caro, l’uomo sul cavallo, oggetto di numerose sue opere, possiamo agevolmente seguire la genesi che dal figurativo porta all’astratto, anche grazie ai numerosi bozzetti preparatori realizzati dall’artista. In mostra, grazie all’intuizione di Adelina, viene presentato tutto l’iter riguardante questo soggetto, attraverso numerosi disegni e diverse sculture. Negli stessi fogli dei disegni troviamo gli studi per altre sculture astratte caratteristiche della sua produzione, metamorfosi di figure che si fondono fino a trasformarsi. Non essendo più connotato fisicamente, l’individuo diventa, in queste opere, l’astrazione di sé stesso, e la linea diventa pura perché definisce l’idea di individuo e non più la sua raffigurazione. Dall’iconico si passa all’aniconico perché l’artista è riuscito, attraverso il suo percorso, ad inventare il proprio lessico, atto a descrivere il mondo con i suoi occhi interiori
Nei disegni e negli gli oli è sempre presente la mano dello scultore, le composizioni si dispongono secondo piani sovrapposti entro cui si dispongono corpi plastici, come in Gruppo di donne, del 1984, dipinto di grandi dimensioni con cui si chiude la mostra.

Carmine Cecola

L’inaugurazione è stata impreziosita dal Banco di Assaggio “Casale del Giglio” e dallo spettacolo di tango di Daniela Ayala e dei suoi collaboratori.
Il catalogo, edito per l’occasione da ED’ART Edizioni, è ricco di immagini e testi critici, compresa una vasta antologia critica che ripercorre tutta la carriera artistica di Carmine Cecola.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.