#340 - 18 novembre 2023
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 1° marzo, quando lascerà il posto al numero 347. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Poesia

In ricordo di Carlo Marraffa

Roma - Ucai - Unione Cattolica Artisti Italiani

Premio La Pigna

I Vincitori premiati il 20 novembre

La Galleria La Pigna di Roma, emanazione dell'Ucai - Unione Cattolica Artisti Italiani, ha organizzato la seconda edizione del Premio Carlo Marraffa, già direttore della Galleria. Il premio abbraccia le categorie: pittura, scultura, fotografia, poesia.

nomi dei vincitori
Le poesie premiate

Primo premio ACQUA
di Marina Enrichi Cariolario

Acqua..
acqua e sale
e le acque di sopra e le acque di sotto
alla traccia centrale,
piattaforma di lancio
nello spazio e nel tempo.
Sei embrione no preambolo a vita
ma esistenza totale.

Acqua
acqua e sale
primigenia laguna, prima culla marina alla vita che sorge.
Dove passa il sussurro di uno scambio d’amore
che accarezza e che plasma ogni piccolo feto.

Acqua
acqua pura del pozzo
che disseti il deserto,
ombelico e miraggio
ad un’oasi fiorita.

Acqua acqua e sale Così il mare e l’oceano grande acqua materna
che lambisce e che bacia alle terre le rive...
fausto grembo diventi .
per chi solca le onde verso terre irrigate.

Acqua
acqua priva di sale
acqua dolce
a placare l’amaro dell’arsura rimasta alle vite salvate.

Acqua
acqua piena che sgorga A lavare il sudore
Per riemergere freschi e sentire ristoro dopo un lungo lavoro.

Acqua acqua bolle in cucina
e si sparge nell’aria il profumo del cibo così tanto agognato
da chi ha fame e lontano da casa.

Acqua acqua bella pulita per lavare ferite e detergere piaghe. per bagnare le labbra al malato che soffre
rinfrescare la fronte ad un volto che scotta.

Acqua
acqua azzurra e schiumosa
per tuffarsi e nuotare
fare spruzzi e giocare
con gli amici d’intorno.

Acqua
acqua fresca frizzante
per bagnare la gola,
ristorare la voce
e poi sciogliere il canto
alla gioia che vola.

Acqua
acqua e sale
nelle lacrime amare
che compongono il pianto
quando il cuore è più affranto.

Acqua
Acqua tu Benedetta
che consacri il neonato
e glorifichi il corpo
di chi parte per sempre,
e raggiunge la meta.

Acqua
tutto unisci e in te sciogli
differenze e contrasti
d’ogni terra e vivente
in un solo destino.

Acque
al Principio di tutto
dove aleggia sovrano
a creazione del mondo
per l’Eterno Volere
del Signore il Ruàch.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Secondo premio E si correva all'acqua ©
di Silvia Polizzi

Noi che vivevamo d'arte...
Il Venerdì santo
non si dipingeva, non si suonava
non si ascoltava musica...
Si digiunava
da quanto ci era familiare e ci scaldava il cuore
riempiva il silenzio
solo il grido dell'Amore immolato...
Tutto rimaneva
come sospeso
tutto taceva.

Noi che vivevamo d'arte...
Nel Sabato del silenzio
si adorava, si amava e perdonava
tacevano i pensieri...
Si attendeva
il mistero di quell'Alba senza tramonto
della Vita che risorge
della Via che rinfranca, della Verità che svela...
Tutto rimaneva
come sospeso
tutto taceva.

Noi che vivevamo d'arte...
All'alba della Pasqua
si era già desti e si correva all'Acqua
che sgorgava tutta benedetta...
Si apparecchiava
per il grato convito del felice mattino
con le uova dipinte
e quelle di cioccolato, con la musica e i fiori...
Era la Pasqua
tutto gioiva
tutto cantava.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Terzo premio Il mare di Simone
di Vittorio De Seriis

Il tuo mare è fatto di attese
sotto l’ombrellone
che copre la tua immobilità.
Il tuo mare è fatto di sorrisi
nell’ascoltare i giochi dei bimbi
che corrono attorno alla tua ombra.

A volte, quelle mani forti d’amore,
vicine ogni istante alla tua vita,
ti appoggiano sul mare
che ti sorregge e spruzza di gioia.

Il tuo mare è fatto di silenzi,
con rari momenti di saluto
che tu accogli con sguardi di sofferenza,
che hanno però il colore del cielo.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato.