#122 - 9 marzo 2015
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero resterà  in rete fino a venerdi 3 giugno quando cederà  il posto al n° 274. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere è uno che vi presta l'ombrello quando c'è il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente è che si può fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Editoriale

Ibernazione

di Dante Fasciolo

Un centinaio di persone o poche più
hanno deciso di vivere oltre la vita concessa:
si faranno ibernare per tornare al mondo,
forse tra qualche centinaio di anni,
quando la scienza avrà trovato il modo possibile.

Un gesto non solo per aiutare la scienza,
ma una sfida che parte dalla curiosità,
sfiora la speranza, l’onnipotenza,
supera la paura dell’esistenza, accentua
il desiderio egoistico di vivere ancora.

Non c’è dubbio: questa idea dell’ibernazione
è affascinante ed intrigante,
mette a nudo la fragilità umana destinata alla morte
e al contempo la tenace resistenza
a vivere ancora fisicamente.

In pochi si accorgono che la nostra vita terrena
è già ibernata da lungo tempo,
congelata laddove dovrebbe essere fuoco,
laddove dovrebbe essere presente
per dare senso e responsabilità alla vita che ci è data.

Congelata sui fronti di assurde guerre,
congelata di fronte allo strapotere economico-finanziario,
congelata di fronte alle ingiustizie,
di fronte alla povertà, all’ignoranza, alle negazioni,
alle disuguaglianze che avvelenano i popoli.

Ibernarsi allora è solo una fuga,
fuga dalla capacità di rinascere ora e subito,
rinascere nel segno vero di risurrezione
che libera l’uomo dalle paure e guarisce le ferite dell’anima
di quanti soffrono le storture del mondo.

“Io sono la via, la verità, la vita”
“Chi rinasce in me vivrà per sempre”.
Sono parole da tenere presenti
in questo tempo che invita alla Risurrezione,
in questo tempo in cerca di pace

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.