#334 - 8 luglio 2023
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 1° marzo, quando lascerà il posto al numero 347. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Pagine Preziose

La casa di tutti

Città e biblioteche

Di Antonella Agnoli

Se c’è un luogo nel quale la ricerca di risposte su cos’è una città educante può aprire prospettive importanti, quel luogo è la biblioteca. Non quella tradizionale, ma la biblioteca che sa rivolgersi anche ai non lettori, che ripensa il suo compito di struttura culturale di intermediazione tra cittadini e documenti attraverso la partecipazione degli abitanti del territorio, che si propone come luogo di relazioni dove si trova sempre qualcosa da fare o qualcuno con cui parlare.

Da tempo e in tanti modi diversi, Antonella Agnoli dedica le sue attenzioni a questi temi.
In La casa di tutti. Città e biblioteche (Ed. Laterza) ha raccolto punti di vista ed esperienze che mostrano come è possibile creare queste nuove piazze del sapere nel momento in cui la biblioteca diventa un bene comune attraente, aperto in qualsiasi momento della giornata per garantire la libertà di accesso allo spazio pubblico, all’informazione, alla memoria collettiva. “Un posto dove ti senti accolto, protetto, dove ti senti come a casa a volte meglio che a casa – si legge nel capitolo Infrastrutture culturali. Uno spazio pubblico sorprendente capace di suscitare meraviglia e stimolare l’immaginazione e la creatività…”

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato.