#121 - 2 marzo 2015
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero resterà  in rete fino a venerdi 3 giugno quando cederà  il posto al n° 274. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere è uno che vi presta l'ombrello quando c'è il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente è che si può fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Editoriale

La Luce

di Dante Fasciolo

In tempi non troppo remoti, quando la luce elettrica si negava
c’era sempre a portata di mano quella bottiglia nera vuota
con infilata su una candela.
Vicinissimi i prosperi, fiammiferi di legno,
in scatola, ordinati, pronti al fuoco.

L’immagine mi è tornata in mente
guardando e pensando a Piazza del Popolo sabato scorso.
C’era, tra tanti, una candela accesa,
di marca e ben reclamizzata, e il classico venticello de Roma
l’accarezzava facendola danzare baldanzosa.
Dalla cera accumulata lungo la bottiglia si capiva che molte candele e di diverso colore
erano state consumate nel tempo
ed ora i grumi si manifestavano grevi.

Non c’è più luce in questo paese ! -
gridava la candela - dove sono i prosperi, datemi fuoco
e vi darò la luce…!
E tanti prosperi, fiduciosi ed obbedienti, sono accorsi
dimentichi della ingloriosa fine
dei tanti fratelli operosi gettati via…

La candela, come una reliquia, è stata portata in processione
dal nord al centro del paese;
ha bisogno di nuovo fuoco, deve ancora bruciare
per poter attestare i rivoli di cera lungo tutta la bottiglia.
E migliaia di prosperi tenaci sono venuti a Roma
ricevuti dai cugini cerini, più corti e inaffidabili.

Sono state consumate fiammate violente di odio,
invettive e minacce, recriminazioni…
e si sa, se il fuoco non è controllato può degenerare…
La candela è rimasta accesa per un po’
in attesa di confermare il buio…ma la luce non è andata via,
anzi sembrava prolungarsi e rafforzarsi ad ogni urlo
tanto da indurre i prosperi a rientrare nella scatole,
consapevoli ormai del loro limitato ruolo:
fornire scintille e morire per dare luce alla candela, ed essere dimenticati quando la candela finirà
e sarà necessario trovare un’altra bottiglia, vuota,
per un’altra candela, ubriaca di pochezza.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.