#121 - 2 marzo 2015
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero rester in rete fino a venerdi 3 giugno quando ceder il posto al n 274. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere uno che vi presta l'ombrello quando c' il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente che si pu fare l'imbecille, mentre il contrario del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Fotografia

In concomitanza con l'Expo di Milano

Prima Biennale
della Fotografia Italiana

Raccontare “lo stato della fotografia” in Italia

Si svolgerà a Torino, nel 2015, in concomitanza con l’Expo di Milano, la prima Biennale della Fotografia Italiana, con il patrocinio della Regione Piemonte; chiamerà a raccolta, oltre ai grandi maestri italiani riconosciuti anche all’estero, nuovi talenti della fotografia attivi in diversi ambiti professionali, dal giornalismo alla scienza, dalla moda al design.

Prima Biennale   
della Fotografia ItalianaPrima Biennale   
della Fotografia Italiana

Il Curatore sarà Vittorio Sgarbi che così sintetizza: «Lo spirito è quello del Padiglione Italia della Biennale d’Arte di Venezia: raccontare “lo stato della fotografia” nel nostro paese». Dunque un grande lavoro di catalogazione, ma anche una selezione delle espressioni più autentiche del «fare fotografia» nelle varie aree tematiche e secondo diverse applicazioni tecniche, frutto della selezione di una Commissione di valutazione guidata dallo stesso Sgarbi e composta da Italo Zannier (fotografo e storico della fotografia), Claudio de Polo Saibanti (Presidente della Fratelli Alinari), Beppe Bolchi (fotografo), Giorgio Gregorio Grasso (Istituto Nazionale di Cultura), Giovanni Gastel (fotografo) Massimiliano Liva (Joy, società delegata all’organizzazione), Luca Fabbri (direttore organizzativo).

Prima Biennale   
della Fotografia ItalianaPrima Biennale   
della Fotografia Italiana

Prevista in un primo momento nel 2014 negli spazi espositivi delle Officine Grandi Riparazioni di Torino (indisponibili per lavori di ristrutturazione), la Biennale si svolgerà comunque a Torino ma in una sede in via di valutazione d’intesa con la Regione Piemonte.

Nel mentre, si è riunita a Firenze la Commissione selezionatrice incaricata di definire le modalità di partecipazione e i criteri di selezione degli artisti. Tre le sezioni tematiche : Reportage, Scienza (ricerca), Pittorialismo.

Due, invece, le soluzioni tecnico-applicative: Racconto fotografico (foto libro) e Fotorea (immagini in libertà), costituita dalle foto provenienti dal mare magnum dei social network e che avrà come titolo «La fotografia come test psicologico proiettivo».

Prima Biennale   
della Fotografia ItalianaPrima Biennale   
della Fotografia Italiana

Nella prima Biennale della Fotografia Italiana sono coinvolte le principali associazioni e gli istituti didattici di fotografia che operano in Italia. Le modalità d’iscrizione sono sin da adesso consultabili sul sito www.biennalefotografia.it
Gli artisti selezionati avranno l’opportunità di conferire le loro opere fotografiche negli archivi dei Fratelli Alinari che saranno anche gli editori del catalogo.

La Biennale della Fotografia guarderà anche al mercato nell’idea di mettere in relazione gli artisti con la committenza italiana ed estera; in tal senso, le opere esposte faranno parte del progetto di una mostra collettiva che sarà portata all’estero.

Prima Biennale   
della Fotografia ItalianaPrima Biennale   
della Fotografia Italiana

Per Vittorio Sgarbi la Biennale della Fotografia Italiana, rappresenta, per certi versi, un ritorno al passato: «Il mio rapporto con la fotografia – ricorda – risale a 40 anni fa, quando, appena laureato, divenni assistente della cattedra di Tecniche della Fotografia al Dams, fondato da Umberto Eco, dell’Università d Bologna, iniziando a lavorare con il decano della storia della fotografia, Italo Zannier. Fu in quell’anno che si presentò a noi, con la sua prima opera memorabile, l’Atlante, Luigi Ghirri. E iniziarono le stagioni anche di altri giovani talenti di cui prendevamo coscienza, tra i quali Guido Guidi.

Prima Biennale   
della Fotografia ItalianaPrima Biennale   
della Fotografia Italiana

Nel 1979, con il patrocinio dell’Unesco e il Centro Internazionale di Fotografia di Cornell Capa, fratello di Robert, allestimmo una titanica mostra in concorrenza con la Biennale, nell’anno di pausa, «Venezia ’79, la fotografia», curata da me, Italo Zannier e Daniela Palazzoli. Fu un grande successo, e aprì la strada a una diversa consapevolezza della fotografia, e della sua storia, in Italia. In tempi più recenti, come assessore al Comune di Milano, promossi numerose mostre monografiche di fotografi, dalla grandiosa esposizione, condivisa con i primi vagiti del Maxxi, di Ugo Mulas, a quelle, molto rigorose, di Wilhelm von Gloeden, di Robert Frank, di Weegee, di Jan Saudek, di Witkin, di Olivio Barbieri. Ho sempre considerato fondamentale la conoscenza della fotografia sia sul piano pedagogico sia su quello della ricerca. Al Padiglione Italia di Venezia ho voluto uno spazio curato da Italo Zannier per 20 fotografi»

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.