#313 - 3 settembre 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 17 febbraio, quando lascerà  il posto al numero 324. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti (Papa Francesco) Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo (Alberto degli Entusiasti) Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
beni culturali e paesaggistici

In collaborazione con l' "Istituto Italiano dei Castelli "

I luoghi delle Giornate Nazionali per il 2022

Castello di Calendasco (Piacenza)

Vivere i castelli - 8

Vivere i castelli - 8Vivere i castelli - 8

Il primo nucleo del castello di Calensasco, il recetto, risale ai primi anni dell'XI secolo, mentre il castello vero e proprio viene edificato a partire dal secolo successivo.
Tra le mura del castrum burgi calendaschi nasce nel 1290 il nobile San Corrado Confalonieri, la cui famiglia era feudataria bonis et juribus della zona di Calendasco.

Vivere i castelli - 8

Nel 1346 venne distrutto dai ghibellini fuoriusciti da Piacenza, viene poi ricostruito negli anni immediatamente successivi dai guelfi per la sua importante posizione nell'ambito della resistenza contro i Visconti.

Vivere i castelli - 8

Nel 1572, il castello è teatro dell'assassinio del conte Ludovico Confalonieri ad opera di Antonello De Rossi, amante della contessa Camilla, moglie di Ludovico. Metà del feudo passa, così, alla famiglia Sanseverino, imparentata con i Confalonieri che conservano i diritti sulla rimanente metà.
1913 venne donata dal proprietario, il giurista Giuseppe Scopesi della Capanna, alla cui famiglia era pervenuta per matrimonio, ad un ente di carità che lo cede, in seguito, al comune di Calendasco. L'altra porzione del castello viene, invece, ceduta dalla famiglia Zanardi Landi ai signori Guasconi.

Vivere i castelli - 8Vivere i castelli - 8

Nel 2021 il maniero è stato sottoposto a lavori di restauro finalizzati alla sistemazione del ponte d'ingresso, della facciata principale, dell'androne dotato di volta a ombrello e del salone al piano terra. Questi interventi hanno permesso la riscoperta della pavimentazione originale in cotto nel salone e nell'androne d'ingresso, di un camino nascosto da un pannello, sempre nel salone, e di una serie di locali posti alla base di una delle torri, caduti in degrado dopo essere stati riattati a deposito in passato e inaccessibili ormai da tempo.

Vivere i castelli - 8Vivere i castelli - 8

Come indicato dal dossier scientifico del Consiglio d’Europa (1994), le fonti documentarie sono avare di notizie sul percorso emiliano della Via Francigena, detta anche romea. Le prime due citazioni risalgono all’XI secolo: una riguarda Piacenza, l’altra Calendasco.
Quest’ultima è relativa alla permuta di terreni avvenuta nel 1056 fra Adeleita, badessa del monastero di San Sisto (Piacenza) e Teudisio detto Pagano: la religiosa cede due appezzamenti di terra a Piacenza, presso la chiesa di San Dalmazio, in cambio di case ed altri beni fondiari posti in “in locasa et fondas Calendasco, Casanova”, ossia collocati a Calendasco “super strada Romea”, lungo la strada Romea. Ancora un atto di permuta tra il monastero di San Sisto ed un nobile, datato 1140, indica chiaramente come confine dei possessi terrieri la Strada Romea che passa per Kalendasco.

Vivere i castelli - 8Vivere i castelli - 8

Tra le curiosità turistiche: un servizio di taxi fluviale per i pellegrini della Via Francigena. A partire dalla metà del 2007, infatti, è diventata operativa la nuova imbarcazione acquistata dall’amministrazione municipale di Calendasco per consentire il transito l’attraversamento del Po da parte dei pellegrini provenienti dalla sponda lombarda, in particolare dall’attracco di Corte Sant’Andrea, e diretti a quella emiliana.
Per usufruire del taxi fluviale, attivo ogni giorno dalle ore 16 alle 17, è necessario prenotare telefonicamente al numero 0523 771607.
L’imbarcazione messa a disposizione dal comune è ancorata al Guado di Sigerico – nella zona in cui il codice del re longobardo Liutprando identificava la presenza del “Transitus Padi”, punto di approdo delle barche trasportanti merci e dei pellegrini nel periodo medioevale – ed è condotta dal signor Danilo Parisi, presidente del Circolo Biffolus, in possesso del titolo professionale specifico per il trasporto di persone.

Vivere i castelli - 8Vivere i castelli - 8

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.