#312 - 30 luglio 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 2 dicembre quando lascerà  il posto al numero 319. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti (Papa Francesco) Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo (Alberto degli Entusiasti) Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Cultura e Società

Per un futuro possibile

Pensare al bene

di Amanzio Possenti

Pensate al bene dell’Italia, la nobile raccomandazione del presidente Sergio Mattarella ai partiti dopo la ‘giornata nera’, funesta, di mercoledì 20 luglio al Senato, le dimissioni del premier Mario Draghi, il governo in carica per ’il disbrigo degli affari correnti’, lo scioglimento anticipato delle Camere, la fissazione della data delle elezioni il 25 settembre.

Pensare al bene

Momenti drammatici per il Paese ben oltre il fatto istituzionale-parlamentare. Coinvolta - da scelte politiche discutibili - l’intera comunità nazionale, in un periodo che la vede in mezzo ad un guado pieno di difficoltà oggettivamente pesanti e di problemi socio-economici ad alta precarietà.

Dire dei partiti (o di alcuni di essi) protagonisti in negativo e ciascuno sostenitore della propria (presunta) verità parlamentare - ognuno dice di ’avere ragione’, di aver fatto ’la scelta giusta’, ‘ è l’altro che ha sbagliato’, ’gli elettori capiranno’ – significa constatare un sistema politico a rotoli e purtroppo incapace di guardare con gli occhi del Paese, anziché con quelli di parte. I risultati disastrosi lo confermano.

Pensare al benePensare al bene

Draghi, tanto autorevole quanto prezioso per noi e per l’Europa, è stato costretto alla porta da un sovrapporsi di veti incrociati, da manovre di palazzo e da giustificazioni partitiche, mentre infuriano bollette alle stelle, una guerra terribile e infinita, un tema gas scarnificante, un’Italia sotto il peso onerosissimo dell’inflazione.

Una crisi-vergogna, è il parere della maggioranza dei cittadini; difficile dare torto, nonostante le ’spiegazioni’ tecniche che non spiegano anzi irritano.
Ed ora che si profila a breve il voto e irrompe una campagna elettorale tra le più spinose - tra chi giudica ‘impossibile’ una alleanza da ’campo largo’ fra Pd e M5S, chi avverte nel centrodestra la maldestra ricostruzione sul caso Draghi ( ‘ha rifiutato il bis’ senza Cinque Stelle....), il disorientamento di esponenti sorpresi da scelte considerate inopportune - che cosa può pensare e ipotizzare un elettorato di per sé poco propenso a partiti litigiosi e che dimostra, già da tempo, di preferire, ahinoi, il grave errore della astensione?

Pensare al bene

Fare previsioni di fronte ad un Paese sconcertato e ’scollato’ rispetto al (deludente) potere politico, è impresa audace di questi tempi.
Tuttavia laddove è mancato visibilmente ‘uno scatto di responsabilità’, sollecitato dalla Cei e dal buon senso, appare rischioso proporre ipotesi o speranze sostenibili fra tenzoni contrastanti nei due mesi scarsi, pienamente estivi ed accalorati, che precedono la preparazione delle liste (lotte tra gli aspiranti) e le urne aperte.

Pensare al bene

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.