#305 - 23 aprile 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerà  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più¹ importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Arte

Interventi di Francesca Boschetti e Daniela Iorio

Vanita versus Vanitas

Vanità versus Vanitas è il titolo della mostra personale di Rossana Placidi. La mostra raccoglie una selezione di opere di scultura realizzate dal 1977 ad oggi.
“La vanità è intesa qui come il desiderio di esibire la propria capacità e confrontarsi con un pubblico anche sconosciuto”, dice l’artista, “è intesa inoltre come vanitas, cioè quella impermanenza del reale che la scultura, e l’arte in generale, tenta di combattere fissando nella materia i pensieri, le emozioni, le sensazioni e le immagini che sarebbero destinati a svanire per sempre”.

Vanita versus VanitasVanita versus Vanitas

La storica d’arte Francesca Boschetti e la scrittrice e psicoterapeuta Daniela Iorio ci raccontano l’arte di Rossana nei due testi pubblicati nel catalogo della mostra disponibile in galleria, che potete leggere di seguito.

Mente - Cuore - Istinto

Rossana Placidi inizia ad avvicinarsi alla scultura giovanissima, a soli 16 anni. Passo dopo passo, arricchisce le sue conoscenze specifiche frequentando diversi corsi, che aggiungono nuove possibili direzioni alla sua ricerca. Nel tempo le sue preferenze si orientano con decisione verso la creta, dunque la modellazione “per via di porre”, come la definiva Leon Battista Alberti nel De Statua, alla quale si affianca più recentemente la pietra leccese, materiale duttile, che la invita a confrontarsi con la scultura “per via di levare”. Raramente appare il colore ad accompagnare l’andamento dei volumi.
Nel corso degli anni la sua produzione si articola in tre filoni distinti, tutti presenti in mostra, che possiamo definire d’après, figurativo-realistico e zoomorfo.

Vanita versus VanitasVanita versus Vanitas

Il primo filone è figlio della mente e racconta le scelte estetiche di Rossana, che seleziona opere di un passato più o meno remoto, con cui misurarsi. Non solo sculture, dalla statuaria greco-romana a Rodin fino a Francesco Messina, ma anche capolavori della pittura, che richiedono un’operazione di traduzione dalla bidimensionalità alla terza dimensione. Conquistano così lo spazio circostante figure desunte dalle pitture rupestri del paleolitico, da Bosch, Munch, Picasso.

Vanita versus VanitasVanita versus Vanitas

Il secondo filone è figlio del cuore e ripercorre fedelmente le sembianze di persone amate, la figlia Silvia, il nonno Giulio e Fred Buscaglione, un intruso all’apparenza, in realtà un personaggio che appartiene all’infanzia di Rossana.
La perizia con cui sono definiti i tratti somatici e i minimi dettagli mira ad un realismo estremo e svela i gesti attenti, facendo immaginare le sue mani che ripercorrono i sentieri della memoria, accarezzando la creta con affettuosa dedizione.

Vanita versus VanitasVanita versus Vanitas

Il terzo filone è figlio dell'istinto e dà vita a forme zoomorfe: dettagli di fiori, forse di corpi, strutture complesse che avviluppano lo sguardo in circuiti imprevisti e lo conducono lungo le linee dinamiche dell’immaginazione. Sono volumi plasmati da mani danzanti, che rievocano la sensualità botanica di Georgia O’Keefee e suggeriscono una decifrabilità immediatamente negata, quasi fossero totem che alludono a riti segreti. È questo il filone che attinge le energie creative più in profondità e rivela un’urgenza espressiva da tenere accesa e da nutrire.
(Francesca Boschetti)

Vanita versus VanitasVanita versus Vanitas

Nasce nella pietra la scultura di Rossana Placidi: è nella pietra che nasce come opera d'arte e, poi, forte degli insegnamenti profondi che ha assimilato, è con la pietra che ispirazione e fantasia si coniugano in opere sempre più mosse.
E' la pietra leccese la pietra che accoglie la mano di Rossana e se ne fa trasformare: dal blocco alto 70 cm, che diviene una stilizzata ma non per questo meno seducente verticalità di linee sinuose che si rincorrono, Armonia verticale, a quello che diviene La metamorfosi, alto 40 cm, ovvero la prima comparsa di un motivo che rimarrà caro alla scultrice dove l'elemento vitale mantiene il suo segreto nel farsi vegetale e, poi, animale e umano. E al blocco più piccolo e sottile che ben si presta a una sintesi perfetta nella forma circolare che acquista, dove si alternano il ruvido e il liscio: si chiama, questo disco, Natura e cultura. Una sintesi, dicevo, perché le due modalità scultoree formano una felice accoppiata più che una coppia di opposti. Anche se in successive, più complesse, opere il ruvido e il liscio servono all'analogo scopo di differenziare due entità, come il maschile e il femminile, l'esito artistico riesce sempre a passare dall'una all'altra come in una trasposizione musicale, più che dare luogo a una polarizzazione netta. Un contributo pregevole, e incantevole, a un'apertura al dialogo, o all'incontro o all'Abbraccio, anzi, come è intitolata un'altra opera sulla dualità, che sembra essere una delle cifre più distintive di quest'artista.

Vanita versus VanitasVanita versus Vanitas

E quando passerà per lo più alla creta in opere di stupefacente solidità già allo sguardo la scultrice raggiunge un alto livello estetico in un'opera che ha richiesto un grande lavoro e l'azzardo di tecniche nuove, La conchiglia dove, in creta colorata, si alternano le due modalità contrastanti in una sorta di 'vela' fortemente convessa e una cavità ricca di elementi interiori.
Tornando un'ultima volta alla pietra leccese, un posto del tutto particolare occupa un altro blocco basso e quadrato, un cubo compatto adibito a una Ricerca della forma, che sfoggia una bellissima curva come fosse uno studio per un capitello antico. L'associazione che l'emozione per quel tratto sontuoso eppure lieve porta a fare è alle cosiddette Cariatidi di Amedeo Modigliani quando l'arte classica bussa alla porta del pittore del Novecento rivoluzionario dell'arte. Bello ritrovarne un tratto nella scultrice di oggi.
(Daniela Iorio, scrittrice, psicoterapeuta, autrice del libro “Arte per mano femminile. Una prospettiva personale”.)

Vanita versus VanitasVanita versus Vanitas

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.