#302 - 5 marzo 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerà  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più¹ importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Televisione

Televisore gioia e dolore

Zapping

Frammenti semiseri di cronaca televisiva

di Luigi Capano

Terremoti, trombe d’aria, eruzioni vulcaniche, esondazioni devastanti…hai voglia a chiamarla “ambiente” e sognare ingenuamente di “gestirla”!
La Natura, quando crede, si fa sentire, sbadiglia, rutta, vomita, evacua infischiandosene dell’uomo, del quale mostra di poter fare tranquillamente a meno.
Ma, come l’uomo – sempre solerte a gargarizzarsi, quotidianamente, con pingui e oblianti dosi di “civiltà” e di “progresso”- è incastrato nella Natura, nondimeno la Natura è annidata nell’uomo (lo compenetra fino al midollo e oltre) e ogni suo sbadiglio, ogni sua deiezione è in grado di sconquassarlo, di ammalarlo, di ucciderlo o di farne una macchina automatica dagli effetti devastanti.

ZappingZappingZapping

Così un Capo di Stato, può mutarsi, improvvisamente, in un bullo di periferia, scatenare una guerra, e provocare morte e distruzione in nome del controllo del territorio.
Lo stiamo vedendo in questi giorni che ci trovano, increduli, nuovamente in guerra.
L’ultima l’abbiamo fatta da protagonisti nel 1999, partecipando al bombardamento umanitario di Belgrado al seguito della Nato.
Ma, all’epoca, scene di madri disperate, di bambini terrorizzati, in TV non se ne vedevano, e si era tutti più tranquilli nelle nostre case.
Seguendo, in questi giorni, le estenuanti, interminabili dirette che hanno cancellato tutti i virologi dalla faccia della TV, non riusciamo a non soffermarci sul linguaggio impiegato dai due principali belligeranti. Sono parole ricorrenti: “Hitler”, “nazista”, “denazificare”.

ZappingZapping

Nella trasmissione di Del Debbio su Rete4, una signora ucraina si è alzata urlando, minacciano di andarsene, perché qualcuno degli invitati ha definito “neonazisti” i suoi connazionali. Riteniamo che Hitler, o, meglio, il suo simulacro, stia svolgendo, da circa settant’anni a questa parte, un ruolo cruciale per l’attuale assetto mondiale: è la cloaca maxima dell’umanità, una discarica dalla capienza – sembrerebbe – illimitata che ci consente di risolvere con efficienza il problema universale dei rifiuti inquinanti.
Perfino i russi e i loro vicini ucraini, se ne servono, fingendo o immaginando che il Comunismo non sia mai esistito - o che in fondo era una cosa buona (ma applicata male, aggiungono i buontemponi di casa nostra) e li vediamo tutt’oggi salutare le telecamere col pugno chiuso. Per inciso, nel Mein Kampf (l’ultimo libro proibito, finalmente sdoganato qualche anno fa da Alessandro Sallusti che, da sincero liberale, lo ha pubblicato in allegato al quotidiano Libero) Hitler afferma di essersi ispirato ai comunisti nella organizzazione del suo partito. Sempre per inciso, ricordiamo anche che Lenin, il padre dei Gulag, ha anticipato e ispirato i Lager. Ma il mio ufficio postale di riferimento è ubicato in Via Lenin! Nulla da ridire, la cloaca maxima tiene eccome! Intanto la situazione va rapidamente degenerando.

ZappingZapping

Sono appena stati oscurati (cioè censurati), in tutta la UE, un paio di noti media russi (Sputnik ed RT); nel mondo della lirica il prestigioso direttore d’orchestra Valery Gergiev è licenziato dalla Filarmonica di Monaco e il Teatro alla Scala ha depennato la programmazione di un’opera che avrebbe dovuto dirigere; sorte simile è toccata al soprano Anna Netrebko; l’Ospedale Spallanzani sospende la collaborazione con gli scienziati russi per la sperimentazione del vaccino sputnik; l’Università Bicocca cancella un seminario su Dostoevskij, salvo poi ripensarci. Ecco il testo della mail ricevuto dal professor Nori: “Caro professore, il prorettore alla didattica ha comunicato la decisione presa con la rettrice di rimandare il percorso su Dostoevskij. Lo scopo è evitare qualsiasi forma di polemica, soprattutto interna, in questo momento di forte tensione”.
Il corrispondente da Mosca di Rai1 Marc Innaro ha affermato durante un collegamento: “basta guardare la cartina geografica per capire che, negli ultimi 30 anni, chi si è allargato non è stata la Russia, ma la Nato". Da allora non è più comparso. Viene inevitabilmente da chiedersi cosa sia una democrazia liberale. Da quanto si osserva in questi giorni tragici verrebbe da definire il liberalismo come uno sport domenicale da praticarsi in tranquillità.
Quando la temperatura si alza, quando le acque si agitano, ecco affiorare la caratteristica peculiare di ogni ideologia: la tentazione totalitaria.

ZappingZapping

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.