#298 - 1 gennaio 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerà  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più¹ importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Cinema

Due anni formidabili della Mostra di Venezia raccontati attraverso
le immagini di un’inedita Antonietta De Lillo, allora giovane foto reporter.

Roma - Casa del cinema

Ritratti di cinema

Di Antonietta De Lillo fotografa

Dopo la presentazione alla 78. Mostra di Venezia, dal 21 dicembre al 21 gennaio 2022 alla Casa del Cinema di Roma sono in mostra i ritratti di Robert Altman, Bernardo Bertolucci, Liliana Cavani, Primo Levi, Jeanne Moreau, Italo Calvino, Harrison Ford, Akira Kurosawa, Mario Monicelli, un giovanissimo Nanni Moretti, Leone d’argento con il suo “Sogni d’oro”, i due Leoni d’oro al nuovo cinema tedesco, Margarethe von Trotta e Wim Wenders, e molti altri tra i protagonisti più iconici che hanno frequentato il Lido nelle edizioni dirette da Carlo Lizzani nel 1981 e 1982.

Ritratti di cinemaRitratti di cinema

Gli scatti di Antonietta De Lillo, in parte a colori e in parte in bianco e nero, sono in bilico tra l’immediatezza di un’istantanea e il ritratto posato, già lasciando intravedere la cifra stilistica di una regista che negli anni a venire sarà più volte selezionata con i suoi film alla Mostra di Venezia e che proprio al Lido, come testimoniano queste immagini di oltre quarant’anni fa, aveva avuto il suo primo incontro con il cinema.
La fotografia è stata per me l’inizio di tutto – racconta Antonietta De Lillo – È stata l’incontro che mi ha fatto uscire da quella crisi esistenziale che appartiene all’adolescenza, in cui non riesci a capire cosa vuoi fare da grande, chi sarai e cosa ne sarà di te. È stato l’inizio di un lungo viaggio e l’anticamera fondamentale per l’incontro della mia vita con il cinema.
Ritratti di cinema ‐ Antonietta De Lillo fotografa la Mostra è la testimonianza di anni formidabili, come li definisce il Delegato generale delle Giornate degli Autori e Direttore della Casa del Cinema Giorgio Gosetti, in cui i festival erano vere e proprie agorà culturali, dove anche a una giovane fotoreporter di vent’anni era possibile incontrare e fotografare i protagonisti di uno dei più importanti eventi culturali e cinematografici al mondo.

Ritratti di cinemaRitratti di cinema

In occasione dell’inaugurazione della mostra il 21 dicembre, alle ore 21 è stato proiettato il film Ti ricordi Dolly Bell? di Emir Kusturica, Leone d’oro nel 1981 come migliore opera prima.
In chiusura della mostra, che si concluderà il prossimo 21 gennaio, tre appuntamenti promossi da Women in Film, Television & Media Italia per riflettere, a partire dalla visione di tre videoritratti di Antonietta De Lillo e dall’occasione che offre la mostra, che racconta l’anno in cui per la prima volta il Leone d’oro andò a una regista, Margarethe von Trotta con Anni di piombo, di gap di genere nei ruoli del cinema e nei suoi contenuti.

Ritratti di cinemaRitratti di cinema

Ad accompagnare la mostra anche un volume fotografico realizzato con il sostegno del Centro Sperimentale di Cinematografia e pubblicato dalla casa editrice napoletana Dante & Descartes di Raimondo Di Maio, che raccoglie gli interventi di Adriano Aprà, Adriano Donaggio, Roberto Escobar, Giorgio Gosetti, Enrico Magrelli, Marcello Mencarini, Paolo Mereghetti, Giovanni Spagnoletti, Enzo Ungari, Cecilia Valmarana e Wanda Zanirato, con prefazione di Andrea Purgatori, Marta Donzelli, Titta Fiore, Roberto Cicutto e una conversazione con l’autrice delle fotografie Antonietta De Lillo a cura di Laura Delli Colli.

Ritratti di cinemaRitratti di cinema

Ritratti di cinema è una realizzazione di marechiarofilm, Solares Fondazione delle Arti e Casa del Cinema, con il supporto delle Giornate degli Autori, della Film Commission Regione Campania e della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, in accordo con la Biennale di Venezia e con la collaborazione di Isola Edipo e Dante & Descartes.

Ritratti di cinemaRitratti di cinema

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.