#294 - 23 ottobre 2021
AAAATTENZIONE - Cari amici lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del 10 dicembre quando lascerà  il posto al n. 297. BUONA LETTURA A TUTTI . Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Cinema

Dalla serie di articoli dedicati a personaggi del Cinema e del teatro

Una iniziativa di "Diari di Cineclub"

Henri Garat

I dimenticati, 5. Henri Garat [Diari di Cineclub n°24, I 2015, p. 9]

Di

Virgilio Zanolla

Ogni epoca ha i suoi gusti, ogni età i suoi divi.

Henri GaratHenri Garat

Agli albori degli anni Trenta, nel decennio in cui il culto della bellezza fisica nel cinema avrebbe raggiunto l’apice, nella Francia del presidente Doumergue ebbe inizio la stagione divistica di Émile Henri Camille Garassu in arte Henri Garat.
Nato a Parigi il 3 aprile 1902, figlio di un attore d’operetta d’origine rumena e una cantante lirica israelita, Garat aveva lo spettacolo nel sangue, tanto che a neppure un anno era già apparso in scena; però solo nel ’20, dopo aver svolto vari mestieri, grazie al bell’aspetto venne assunto come boy al Casino de Paris e figurante al Moulin Rouge.
Sapeva cantare, e nel ’26 ebbe la prima grande occasione rimpiazzando Maurice Chevaliernell’operetta Ça, c’est Paris a fianco di Mistinguett: fu l’inizio di un’intensa attività teatrale, che nel ’28 lo portò per la prima volta davanti alla macchina da presa nel film L’Île d’Amour di Jean Durand e Berthe Dagma.
Da allora la sua carriera si sviluppò con ritmi sfolgoranti: tanto che, con l’avvento del sonoro, nell’àmbito della commedia musicale Garat tenne testa allo stesso ‘roi’ Chevalier, imponendosi nel ruolo di bel giovane scanzonato in film come Le chemin du Paradis di Wilhelm Thiele e Max de Vaucorbeil (’30), a fianco di Lillian Harvey, Le congrès s’amuse di Erik Charell e Jean Boyer e Il est charmant (’31) di Louis Mercanton, che ne fecero un principe azzurro, l’idolo del pubblico femminile, e lo portarono all’estero, prima a Berlino, dove interpretò The Congres Dances (’32, versione anglo-tedesca de Le congrès s’amuse diretta dallo stesso Charell) accanto a Lilian Harvey e Lil Dagover, poi a Hollywood, per Adorable di William Dieterle (’33, versione americana di un altro suo successo, Princesse, à vos ordres di Hanns Schwarz e Max de Vaucorbeil) accanto a Janet Gaynor.

Henri GaratHenri Garat

Di successo in successo, Garat ebbe come partner alcune delle più note attrici francesi dell’epoca, da Meg Lemonnier a Danielle Darrieux a Jacqueline Delubac, e lanciò motivi famosissimi, tuttora ascoltati, che fecero sognare stuoli d’ammiratrici: «Je t’aimerai toujours, toujours», «Avoir un bon copain», «La biguine», «C’est un mauvais garçon» (dal film omonimo di Jean Boyer, del ’36), «J’ai donne mon coeur aux femmes»... Acclamato, ricchissimo, Garat riceveva dalle ammiratrici una media di 200 lettere al giorno; divideva il tempo libero tra le sue due più grandi passioni, le donne e le automobili: sulla sua auto aveva fatto impostare la suoneria del clacson con le quattro note iniziali del popolare ritornello de Le chemin du Paradis; possedeva anche uno yacht e un aereo e acquistò perfino un castello in Normandia. A rovinarlo furono la smania per il gioco, le donne e la cocaina: la seconda delle sue quattro mogli, la contessa russa Marie Tchernycheff-Besobrasoff, sposata nel ’39, durante la guerra si rivelò una collaborazionista della Gestapo e causò all’attore un sacco di guai; nel ’44 per disintossicarsi egli si rifugiò in una clinica svizzera.

Henri GaratHenri Garat

Nel dopoguerra Garat era ormai un’altra persona: ma anche il cinema era cambiato, e in esso purtroppo lui non trovava più posto. Tentò di nuovo la strada della rivista: nel ’50 scrisse al commediografo Albert Willemetz, autore dei testi di tanti suoi successi, proponendosi per la rinnovata Revue de l’Empire a fianco di Arletty, ma le parti erano già state assegnate; toccato per la sua precaria situazione economica, Willemetz gli inviò 500 franchi. Garat riprese comunque a cantare, esibendosi a Parigi e in Costa Azzurra, una volta anche in coppia con la sua ex partner Lillian Harvey, e finì con l’aggregarsi ad un circo.
Intanto, nel ’51 si era sposato per la quarta e ultima volta, e aveva avuto un figlio, Marcel; coinvolto in diversi guai giudiziari, dopo un’esperienza poco fortunata con la gestione di un negozio di giocattoli, chiamato Le chemin du Paradis in ricordo del suo primo grande successo cinematografico, venne abbandonato anche dalla consorte e dal figlio.
La morte lo colse all’ospedale di Hyères il 13 agosto del ’59; l’idolo d’impiegate, operaie e sartine negli anni che precedettero il Fronte Popolare aveva appena cinquantasette anni.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.