#293 - 9 ottobre 2021
AAAATTENZIONE - Cari amici lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del 10 dicembre quando lascerà  il posto al n. 297. BUONA LETTURA A TUTTI . Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Cultura e Società

Indifferenza

di Amanzio Possenti

Tra gli elementi negativi che connotano i nostri giorni, tre richiamano il bisogno del loro superamento nella quotidianità: l’indifferenza, il moralismo, il mancato rispetto.
Magari non ce ne accorgiamo neppure, abituati ad una vita sempre più egocentrica, che fa dimenticare la bellezza di saperci fratelli.

La indifferenza è un cancro che corrode e alla fine separa, tesa com’è ad ignorare l’altro nei momenti di sua sofferenza spingendo a voltare altrove lo sguardo; il moralismo è la negazione del senso morale e l’esaltazione di un ’ismo’ farisaico, presuntuoso e soggettivo, incapace di autentici valori di fraternità; il mancato rispetto tra le persone si traduce in un gesto ingeneroso di superbia e di orgoglio che fa sentire la presunzione della(inesistente) ‘superiorità’.

Li segnalo sia perchè spesso individuati da papa Francesco quali motivi di aperta deviazione cristiana sia perchè ce li ritroviamo presenti, con la forza di un materialismo imperante, nelle consuete relazioni sociali.
Trasformare i rapporti interpersonali in momenti di individualismo finalizzato alla propria glorificazione e nel quale prevale la prevaricazione significa distruggere dalle radici il senso dell’amore.
Se ne vedono le tristi,anzi drammatiche conseguenze nella aridità quotidiana della cronaca, costituita dal primato della violenza e dalla illusione di bastare a sè.
Un cappio mortale di prigionia autoimposta dalla negazione dei valori.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.