#117 - 26 gennaio 2015
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Editoriale

Il possibile

di Dante Fasciolo

La politica, si sa, è l’arte del possibile; e riferita a casa nostra, ove vige la democrazia, non può prescindere dall’ aritmetica.

Per decenni si è a lungo giocato senza scrupoli col pallottoliere: maggioranze e minoranze, buoni e cattivi, ingenui e furbi, leali e traditori, dialoganti e sabotatori… insomma l’arte del possibile si è spesso trasformata in arte dell’impossibile orgogliosamente e sfacciatamente difesa in nome della democrazia.

I tempi, si sa anche questo, cambiano; e se all’orizzonte spunta qualche nuovo possibilista, per molti si fa urgente rispolverare i manuali del contrasto costi ciò che costi.

Si incomincia a rinnegare tutto ciò si era detto in un passato anche recente e ora non più conveniente nella logica di un ragionamento alla rovescia, perché l’interlocutore nuovo non piace.

E se all’orizzonte spuntano possibilità concrete e alcuni traguardi sono a portata di mano, non si può dar vinta a chi accelera il cambiamento perché sconfessata sarebbe la lunga inettitudine.

Povera Grande Italia, in balia di menti così piccine, dove è finito l’amor patrio, e la coscienza nazionale, dove sono gli eredi di uomini di fede e di coraggio che pure hanno ridato orgoglio alla nazione subito dopo la tragedia della guerra…?!?

Ogni medaglia ha il suo rovescio, è vero, e non tutto va per il verso giusto, ma occorre distinguere il bene comune dall’effimero tornaconto personale.

Giochiamo a carte scoperte, a viso aperto: abbiamo adulti senza lavoro e senza speranza, giovani demotivati senza un futuro certo, un’economia che stenta a decollare e pochi ricchi sempre più ricchi e spavaldi che succhiano le residue ricchezze del paese mentre sottraggono allo stato le dovute risorse.

Nella partita aperta delle riforme per nuovi equilibri e per l’affermazione di una politica attiva che sappia interpretare il diritto delle persone, c’è chi ancora non si vergogna di frapporre ostacoli e lotte con pretestuose rivendicazioni pur di negare il proprio sostegno al possibile.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.