#291 - 11 settembre 2021
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 24 settmbre, quando lascerà  il posto al numero 292. - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po di SATIRA: Il Paradiso lo preferisco per il clima, l'Inferno per la compagnia (M. Twain) - Quando le cose non funzionano in camera da letto, non funzionano neanche in soggiorno (W.H. Masters) - L'intelligente parla poco, l'ignorante parla a vanvera, il fesso parla sempre (A: De Curtis) - Il sesso senza amore è un'esperienza vuota, ma tra le esperienze vuote è la migliore (W. Allen) - Per alcune cose ci vuole tanta pazienza, per tutte le altre c'è la gastrite (L. Limbus) - Non avere un pensiero e saperlo esprimere: è questo che fa di un uomo, un giornalista (K. Kraus) - Le banche ti prestano denaro, se puoi dimostrare di non averne bisogno (B. Hope) -
Fotografia

Un piccolo segreto chiamato carburator

La Tanzania e l'elica

di Guido Alberto Rossi

Un bel giorno mi telefona uno degli editori francesi con cui lavoravo molto e mi propone l’idea di un libro aereo sulla Tanzania.

Non mi sembra vero e ovviamente dico OUI. Parlando meglio dei dettagli tecnici e finanziari mi dice che è solo un progetto per un loro cliente e quindi l’idea è di andare in Tanzania, noleggiare un aereo da turismo o qualcosa che vola e scattare una trentina di belle foto poi mandargliele. Se la cosa funzionerà con il loro committente dovrò tornare e completare il lavoro.

La Tanzania e l'elicaLa Tanzania e l'elica

Detto fatto, telefono a Mark Ross, un mio amico americano che gestisce una società di safari in Kenya e Tanzania, anche lui pilota ed esperto di burocrazia africana (seconda solo a quella Italiana). Mark mi trova un Cessna 172 da 160 HP, con marche tanzaniane (la targa degli aerei) e accetta di accompagnarmi e organizzare la logistica a terra, in pratica un fuoristrada che ci precede con la benzina ed il meccanico. Infatti non prevediamo di frequentare aeroporti, ma di usare come base tra un volo e l’altro le piste in terra battuta di proprietà dei lodge dove passeremo la notte. Il budget è per 7 giorni di lavoro e quindi significa che non dormiremo mai due notti nello stesso letto e dovremo volare e scattare tanto.

La Tanzania e l'elica

La Tanzania è un paese grande tre volte l’Italia con magnifiche bellezze naturali, vulcani estinti, montagne, tanti fiumi e laghi, tra cui il Lago Vittoria e coste con spiagge infinite bagnate dall’Oceano Indiano.
Uno di questi vulcani è il Kilimanjaro che si trova a Nord Est sul confine con il Kenya e proprio qui a 5.895 mt di quota mi capita uno dei maggiori spaventoni della mia vita. Abbiate pazienza ve lo racconto alla fine, del resto tutte le storie iniziano dall’inizio.

La Tanzania e l'elica

Decolliamo da Nairobi, Wilson airport, ci dividiamo i compiti, io mi siedo a sinistra e piloto, Mark si siede a destra e si occupa della navigazione, poi quando devo fotografare prende lui i comandi. Abbiamo pianificato tutte le zone da fotografare in modo di coprire tanto territorio con le circa cinque ore di autonomia del velivolo, pari circa a 500 miglia, se voli dritto, cercando di farle coincidere con la luce migliore. Quando si fanno questi lavori aerei in zone che non hai mai visto, devi anche considerare del tempo extra per i possibili e probabili soggetti che non conosci e che valgono la pena di essere fotografati. Per l’occasione avevo anche acquistato uno dei primi GPS aeronautici che aveva in memoria tutti gli aeroporti e piste del mondo (escluso quelle in terra battuta).

La Tanzania e l'elica

Breve sosta ad Arusha per fare dogana e documenti di entrata. Subito dopo la prima zona da fotografare sarà il Lago Natron poi il parco nazionale del Serengeti, ambedue al confine con il Kenya, per poi proseguire per il Lago Vittoria. La seconda tappa sarà volare verso Sud fino al parco nazionale del Ngorongoro, scattando quello che capita lungo la rotta.
Dopo il cratere una terza tappa verso Est fino alla capitale Dar Es Salaam, a seguire volando a Sud lungo la costa per finire nel parco del Selous, che sarà la nostra ultima tappa prima di tornare a Nairobi via Kilimanjaro con sosta ad Arusha per espletare dogana e pratiche tanzaniane e tornare a Wilson.

La Tanzania e l'elica

Fila tutto liscio fino al vulcano che è ben alto, quasi 6.000 mt. uguale a circa 18.000 piedi, (che è l’unità di misura usata in aeronautica). Il nostro aeretto ha una tangenza (altezza massima raggiungibile) di circa 14.000 piedi, quindi mancano più o meno 4.000 piedi per non sbatterci contro e sorvolare il cratere. Fortunatamente ci sono delle nubi che sotto hanno delle forti correnti ascensionali e quindi saltando di nube in nube riusciamo a salire quasi fino in cima, dobbiamo anche stare attenti alla mancanza di ossigeno a quella quota che potrebbe farci qualche scherzo al fisico, quindi un passaggio e via, apro il finestrino per fotografare, fa anche un freddo porco ma resistiamo, è fantastico, scatto e via in discesa.

La Tanzania e l'elica

Mark mi ripassa i comandi, tiro indietro la manetta della potenza che poi volgarmente è l’acceleratore, e butto giù il muso. Scendiamo forse di mille piedi quando il motore si spegne, l’elica si ferma e l’unico rumore oltre al vento sonno le nostre espressioni di stupore. Se qualcuno di voi ha provato questa esperienza saprà cosa intendo. Il primo pensiero che ti passa per il cervello è: ma sta capitando proprio a me? Poi cerchi subito di ricordare cosa ti hanno insegnato a fare in una situazione simile, cioè cercare di planare con la massima efficienza, cercare di riaccendere il motore e se non parte incominciare a guardare dove poter atterrare al meglio. Mark aveva già impostato l’aeroporto di Arusha nel GPS, mi da la rotta da seguire e fa quattro conti di discesa e distanza, forse ce la facciamo a planare fino alla pista, forse no, vediamo di fare ripartire il motore, uno, due, tre tentativi niente, poi a tutti e due contemporaneamente torna in mente che su questo tipo di aereo bisogna tirare il manettino dell’aria calda al carburatore quando si scende con il motore al minimo in modo che non si formi ghiaccio nel carburatore. Tirato il manettino che ha la scritta carburator come per magia facciamo ripartire il motore che fa giare l’elica e voliamo via contenti.

La Tanzania e l'elicaLa Tanzania e l'elica

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.