#286 - 22 maggio 2021
AAAATTENZIONE - Cari amici lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del 10 dicembre quando lascerà  il posto al n. 297. BUONA LETTURA A TUTTI . Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Televisione

Televisore gioia e dolore

Zapping

Frammenti semiseri di cronaca televisiva

di Luigi Capano

ZappingZapping

Ci ha lasciato, in questi giorni, anche Franco Battiato, cantautore sofisticato ed eccentrico attratto dalla mistica sufi e dal sincretismo misteriosofico di Gurdjieff, i cui echi risuonano con prodigalità nelle musiche e nelle parole dei suoi testi.
Lo ricordiamo qui come un raffinato editore: lo fu per breve tempo, molti anni fa, quando dette vita alla casa editrice “L’ottava”.
Tra i libri pubblicati, presenti nella nostra biblioteca: “Vedute sul mondo reale”, “La Vita reale”, “ I racconti di Belzebù a suo nipote” di Gurdjieff; “Her-Bak Cecio”, Her-Bak Discepolo” dell’egittologa Isha Schwaller de Lubicz; “Il saggio di Bandiagara”, sulla complessa cosmologia dei Dogon, una tribù dell’Africa Occidentale.

ZappingZapping

Un breve servizio del Tg ci ha sorpreso positivamente: davanti ad una sede Rai, un manipolo di dipendenti aziendali protesta ostentando cartelli di questo tenore: “Rai libera dai partiti”, “liberiamo la Rai dai partiti”, “Lasciate libere l’informazione e l’arte”, “Rai libera dai governi”.
Che non sia finalmente la volta buona per affrancare il servizio pubblico dal giogo delle fazioni politiche?
Ricordiamo, ancora con malcelato fastidio, i tempi, neanche tanto remoti, in cui i partiti di maggioranza si spartivano la TV pubblica da bravi compari: Rai1 alla DC, Rai2 al PSI e Rai3 al PCI. Sono poi cambiati i rapporti di forza con la presunta seconda repubblica e con i nuovi protagonisti della scena politica, ma la solfa non è cambiata. Comprensibile: il controllo della comunicazione equivale al controllo del potere. E’ pur vero, però, che, sui cartelli visibili nel servizio andato in onda, compaiono le sigle dei sindacati Usigrai e Snater, per cui potrebbe trattarsi di una guerra interna per il controllo dell’azienda: l’informazione e l’arte dovrebbero affrancarsi anche dalle manovre e dalle scelte sindacali. Ma forse- tentiamo di essere ottimisti- qualcosa si sta muovendo nel verso giusto. Se non altro, è un segnale importante o, per lo meno, utile.

ZappingZapping

Ci viene spontaneo riandare col pensiero, quasi a mo’ di contraltare, all’imbarazzante libro dell’ancora Ministro della Sanità, Roberto Speranza (che riteniamo essere l’anello più debole dell’attuale governo) pubblicato intempestivamente alla ripresa della pandemia e ritirato dal commercio alla chetichella. E dove si può leggere questa perla: “Credo che dopo tanti anni controvento per la sinistra ci sia una nuova possibilità di ricostruire un’egemonia culturale su basi nuove”.
Qualcuno spieghi al ministro Speranza che la cultura non è di sinistra né di destra e che quando la politica invade la cultura, inevitabilmente la soffoca.
Abbiamo avuto, purtroppo, una lunga egemonia culturale della sinistra (cioè del PCI) e i danni provocati sono ancora tangibili (l’intellettuale di sinistra può essere considerato un personaggio goldoniano dei nostri tempi). Ma ci auguriamo che presto ne rimanga soltanto un pesante ricordo.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.