#284 - 24 aprile 2021
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 24 settmbre, quando lascerà  il posto al numero 292. - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po di SATIRA: Il Paradiso lo preferisco per il clima, l'Inferno per la compagnia (M. Twain) - Quando le cose non funzionano in camera da letto, non funzionano neanche in soggiorno (W.H. Masters) - L'intelligente parla poco, l'ignorante parla a vanvera, il fesso parla sempre (A: De Curtis) - Il sesso senza amore è un'esperienza vuota, ma tra le esperienze vuote è la migliore (W. Allen) - Per alcune cose ci vuole tanta pazienza, per tutte le altre c'è la gastrite (L. Limbus) - Non avere un pensiero e saperlo esprimere: è questo che fa di un uomo, un giornalista (K. Kraus) - Le banche ti prestano denaro, se puoi dimostrare di non averne bisogno (B. Hope) -
Fotografia

Foto dall'alto e un elicottero che salva una vita

In volo sul Nepal

di Guido Alberto Rossi

Come ben sappiano ci sono giorni fortunati e giorni terribili dove non va niente per il verso giusto, iniziando dal mattino quando ti tagli facendoti la barba.
Un imprecisato giorno dell’ottobre del 1994 è stata la giornata fortunata della signora Johnson, psicologa di Boston USA, fortunata al punto che grazie al fatto che passavo di lì per caso (nota frase) in elicottero, non è morta.

In volo sul NepalIn volo sul Nepal

La storia inizia a Milano, quando il Touring Club mi affida l’incarico di fare un reportage per illustrare la Guida Blu del Nepal, ma accorciamola di 6.816 km (distanza Milano-Katmandu) e partiamo dalla mattina del giorno fortunato di Mrs. Johnson, turista americana colpita dal mal di montagna o malattia da altitudine in coma a 3.750 metri di quota a Namche Bazaar.

In volo sul NepalIn volo sul Nepal

Eravamo in elicottero, (plurale) perché oltre al pilota, comandante Pun c’era anche Laura e volavamo nella zona dell' Everest, avevamo appena fotografato il lago Gokyo a 5.700 mt di quota, che era la massima altezza o tangenza che poteva raggiungere il nostro biturbina, quando riceviamo una chiamata di soccorso dalla torre di controllo del Syangboche Airport, l’aeroporto più alto del mondo.
Ci dicono che un turista sta male e se possiamo intervenire, Pun non si scompone e mi dice che il più delle volte è qualcuno che ha preso alla leggera la salita e stanco non ne vuol più sapere e cerca un passaggio, ma siccome sono io che dispongono del velivolo sta a me decidere. Gli dico che possiamo intervenire se ci danno cinquemila dollari (costo del volo), ovviamente era una italica bugia solo per tastare il terreno, rispondono immediatamente che va bene e quindi scendiamo a Syangboche.

In volo sul NepalIn volo sul Nepal

Appena fermate le pale dell’elicottero vengo assalito da una giovane americana sull' orlo dell’isterismo che mi dice: Mrs. Johnson, psicologa di Boston è in coma, le rispondo che anche se era Mr. Smith, idraulico di Dallas le avrei dato una mano se potevo. Arriviamo al margine della pista dove la signora Johnson incosciente, infilata in un tubo Zodiac che fa da camera iperbarica è assistita da una giovane dottoressa Francese in tenuta da trekking. Ovviamente è una situazione grave e bisogna fare in fretta, possiamo solo salvarla se scendiamo a Kantmandu il più velocemente possibile, ma Pun mi prende da parte e mi informa che se la signora muore possiamo essere ritenuti responsabili con grane e richieste danni al seguito. Ovviamente è una scelta difficile che viene risolta dalla nostra dottoressa Francese, di cui purtroppo non ricordo il nome, (ma che d’ora in poi chiamerò Marianne) la quale si prende non solo la totale responsabilità ma decide di accompagnarci e assistere Mrs. Johnson durante il volo, lasciando marito e compagni di viaggio e dopo aver faticato una settimana per arrivare ai piedi del Everest e giocarsi il resto della vacanza rimasta nello smog di Katmandu.

In volo sul NepalIn volo sul Nepal

La nostra psicologa in coma era una grande e grossa signora di mezza età che sicuramente aveva preso questa impresa come una passeggiata nel parco e adesso era più di là che di qua. Cerchiamo in tutti i modi d’infilare il tubo Zodiac nell’elicottero senza successo, alla fine Marianne decide di sfilarla dal tubo e metterla alla bello e meglio sul pavimento tra i sedili, darle una mascherina d’ossigeno che le verrà tenuta appiccicata alla faccia da Laura. Salutati velocemente coniuge e amici Marianne balza a bordo, decolliamo e giù a manetta verso il fondo della valle.
Durante il volo che sarà durato circa mezz’ora Marianne si prodiga con iniezioni, pizzicotti ai capezzoli e forse anche una preghiera, che è tutto quello può fare in questa situazione.
Intanto Pun avvisa Katmandu della situazione e all’atterraggio c’è un’ambulanza e funzionari dell’ambasciata USA che scaricano Mrs. Johnson e senza neanche dire grazie a Marianne che le ha salvato la pelle se ne vanno.
Alla sera abbiamo mangiato e bevuto insieme a Marianne, contenti come se fosse Natale di aver conosciuto una persona super meravigliosa come la nostra dottoressa. Della signora Johnson non abbiamo più avuto notizie, se non che si era salvata senza un merci, cher Marianne.

In volo sul NepalIn volo sul Nepal

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.