#274 - 14 novembre 2020
AAA ATTENZIONE - Questo numero resterà in rete visibile fino alla mezzanotte del 18 dicembre quando lascerà il posto al numero 276 BUONA LETTURA - PER VOI ECCO QUALCHE MASSIMA: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere è uno che vi presta l'ombrello quando c'è il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente è che si può fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Pagine Preziose

Perchè siamo ciechi e come tornare a vedere e a vederci

Il tempo delle immagini

Di Laura De Luca

Il Giornale Fuori dal coro

Siamo sicuri che nel Terzo millennio il tabù iconoclasta sia veramente superato? Siamo certi che nella cosiddetta civiltà delle immagini, l'immagine in quanto opera dell'uomo (e di tutte le sue "sorelle", cioè le rappresentazioni umane della realtà appartenenti alle più svariate discipline artistiche) abbia davvero libero diritto di cittadinanza nelle nostre società?

E' la domanda che l'autrice pone come incipit nell'introduzione del suo agile quanto intenso inciviltà delle immagini che in poco più di 60 pagine passa in rassegna aspetti fondamentali della condizione in cui la società odierna si dibatte al confini tra parola e comunicazione, tra creatività fantastica e alta tecnologia, nella vasta prateria digitale, ogni giorno più invadente ed incontrollabile.

"Sul piano personale, l'epoca digitale cambia la percezione dello spazio, del tempo e del corpo. Infonde un senso di espansione di sé che sembra non incontrare più limiti..." De Luca ricorre alla parola di Papa Francesco per mettere in guardia dalla seduzione antica dell'uomo a credere di poter essere simile agli dei... che con molta evidenza alberga il cuore delle varie categorie di persone che si fregiano di capacità di domare le arti variegate del nostro tempo.

Una panoramica - dunque - lucida e spregiudicata sulle ipocrisie che circondano il mondo delle cosiddette arti visive - argomento privilegiato negli interessi dell'autrice e centrale nel suo libro - spesso miopi nei confronti della attuale rivoluzione tecnologica; e una proposta per la costruzione di una nuova est-etica

AFORISMI - L'amore è la saggezza dello sciocco e la follia del saggio (S.Johnson) - L'amore vince ogni cosa (P. Virgilio Marone) - C'è tutta una vita in un'ora d'amore (Balzac) - Amore e amicizia si escludono a vicenda (J.de La Bruyere) - La misura dell'amore è amare senza misura (Sant'Agostino) - Nel mondo c'è più fame d'amore che di pane (M.Teresa di Calcutta) - Senza amore l'umanità  non sopravviverebbe un solo giorno (E.Fromm) -