#273 - 31 ottobre 2020
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerà  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più¹ importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Arte

Le Dolomiti nel cuore e nella tavolozza

Arte ...nel tempo della pandemia

Il Latemar

Adesso credo di parlare col vento e faccio ritratti di montagne:

ùnon c’è limite alla pazzia creata dalla mancanza di amici e di contatti sociali

Di Filippo Parodi

Le canne d'organo di pietra, il Latemar (50x29). Un cielo di nuvole blu della nostalgia colora il fondale su cui si poggia questo gigante con le sue canne d'organo di pietra. Il vento, che gioca con i vapori e stempera colori che ha portato da lontano, è disponibile al concerto: si alza veloce sul podio da direttore in alto, ancora più in alto poi si tuffa tra le canne, spazza le bocchette, raggiunge la base screziata di bianco, riemerge sollevando pizzicate di nevischio, accorda la sua voce potente alla risposta delle guglie frementi.

Il Latemar

La musica cambia quando l'aria incontra le grandi canne centrali che sembrano assorbire le note più acute, poi gorgheggia vorticando intorno alle guglie sottili, si placa sulle balze innevate, riprende forza gettandosi nei salti verticali.
E' un concerto per organo e vento che non sempre riusciamo a sentire perchè il vento è scapestrato e spesso si distrae per giocare con i vapori colorati: in basso dove si è creata una zona di distacco tra le cime più alte, ha mescolato al blu soffi di ametista rubati alle pianure del sud.
Ho chiesto al vento, che conosce le parti più nascoste delle crode perchè le ha carezzate o schiaffeggiate, spinte fino a farle tremare, di guidarmi in questo tipo di ritratto dell'organo di pietra, come se fosse un volto di cui cercare l'espressione. Qualche consiglio me lo ha dato:- cercare con le ombre scure di staccare le tante canne che lui sa far vibrare così bene – qualche macchia di neve sui picchi in ombra per creare lontananze e profondità – toni caldi di dolomia al tramonto per aumentare I contrasti con le ombre – scurire cime più lontane per aumentare il sentimento della lontananza e il mistero – seguire con la penna le zone che separano la massima luce dall'ombra più scura. Ho cercato di seguire i suoi consigli non so fino a che punto.
Ora il vento è tornato tra le nuvole blu, forse sta pensando ad un altro concerto ma non so se riuscirete ad ascoltarlo.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.