#115 - 22 dicembre 2014
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Editoriale

La febbre

di Dante Fasciolo

I prossimi 15 giorni
misureranno la febbre del nostro tempo.
In nessun altro periodo dell’anno come in questo
frenesia e scoramento si rincorrono.

Il nostro mondo occidentale soprattutto
muove scomposto e vorticoso i suoi passi quotidiani,
l’aria di festa sprona passioni e desideri
e annulla freni di resipiscenza.

Seppure immerso in beffardi labirinti,
il pensiero non può non correre al disagio del mondo,
ancora una volta fugacemente, ma quanto basta
per un sussulto del cuore.

Questa nostra festa cristiana, il Natale,
annuncia ancora una volta il Messia
e richiama con l’imperio dell’amore
alla responsabilità dell’accoglienza.

Vicina, se il nostro prossimo è dietro l’uscio di casa,
lontana, se flebile bussa alla nostra coscienza…
enorme massa di uomini anonimi,
donne e bambini, diseredati del mondo.

Di fronte ai miserandi che bruciano giustizia,
di fronte agli sciocchi che credono di cancellare il dovere
negando tradizioni e simboli di pace,
noi, i più, entriamo nel recinto tiepido dell’impotenza.

Noi, i più, chiudiamo le finestre, tiriamo le tende
neghiamo luce alla casa e all’anima,
ora che abbiamo affogato sentimenti e valori
nelle luminarie di sfacciati, anonimi, prepotenti supermercati.

Paghi e soddisfatti? No! Siamo sconfitti.
Le nostre nequizie escono vincitrici,
nell’eterna lotta tra l’essere e l’apparire,
e la nostra febbre cresce col crescere dell’indifferenza.

Ci aspettano cibo e vini abbondanti….
ma nella casa manca la luce…quella scia luminosa
capace di rischiarare l’universo;
la luce che da tempo indica una via da percorrere,
per un nuovo equilibrio che abbracci terra e cielo.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.