#264 - 30 maggio 2020
AAAATTENZIONE - Cari amici lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del 10 dicembre quando lascerà  il posto al n. 297. BUONA LETTURA A TUTTI . Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Televisione

Televisione, gioia e dolore

Zapping

Frammenti semiseri di cronaca televisiva

di Luigi Capano

"Andrà tutto bene", è l’imbarazzante cantilena – di dubbio gusto - che ha accompagnato questi mesi virali: l’abbiamo vista, l’abbiamo letta, l’abbiamo sentita un po’ ovunque nei social, nei Tg, in qualunque servizio giornalistico che avesse per tema l’ineludibile, temibile argomento. Insomma, per dirla alla romana: a chi tocca nun se’ngrugna. Perché, nella realtà, a molti, a troppi è andata male, anzi malissimo. Ragion per cui il logorroico motto ha tutta l’aria di una presa per i fondelli.

ZappingZapping

Fin dai tempi delle ancestrali e mitiche caverne, nei momenti di panico e di impotenza, l’uomo non lesina di ricorrere ad infantili orpelli apotropaici: dagli sconvenienti toccamenti subinguinali, ad oggetti magici di ogni risma, ad ossessive frasi talismaniche come, per l’appunto, "Andrà tutto bene".
Così come abbiamo anche notato - assisi nella nostra rassicurante postazione casalinga - orecchiando i discorsi dei numerosi esperti, dei passanti intervistati dai telegiornalisti, degli opinionisti,dei politici, l’emergere - quasi un epifenomeno della pandemia - di una nuova realtà antropologica, forse una classe sociale o addirittura un’etnia: Gli Ultimi.

Non è chi non veda (e non senta) che questi "Ultimi", sono oggi sulla bocca – e nella mente - di tutti: bisogna pensare agli Ultimi, non dimentichiamo gli Ultimi, occupiamoci degli Ultimi, bisogna parlare degli Ultimi. Manca in quest’epoca, purtroppo, un dissacrante Friedrich Nietzsche - il grande scrutatore di uomini - a disvelare, sotto la patina della pietà e della compassione pubblicamente esibite, l’impresentabile, l’inconfessabile sottosuolo, l’oscuro retroscena malcelato dalle policrome luci della ribalta.

ZappingZapping

Sfogliando le pagine di Facebook ci è parso di leggere i sintomi di una nuova nevrosi che si sta diffondendo a macchia d’olio, dal nome frigido e asciutto: "5G".
La rapida sigla sta a indicare il sistema trasmissivo di quinta generazione per la telefonia mobile che, per motivi non proprio chiari, agli occhi di molti, appare maculato di tinte sulfuree, per non dire sataniche. Sarebbe, infatti, foriero di innumerevoli malattie e – a detta di svariati divulgatori di notizie proibite – sarebbe perfino all’origine del famigerato Coronavirus.
A nostro avviso queste persone - terrorizzanti e terrorizzate allo stesso tempo – dovrebbero chiedersi se per caso posseggano le conoscenze fisiche e biologiche necessarie e sufficienti a giustificare tutto questo allarmismo.
Frequenze prossime a quelle tipiche del 5G (700 MHz e 3600MHz) sono già in aria da molti anni e se il problema, come si dice, è causato da possibili interferenze onda-particella, questo dovrebbe coinvolgere tutta la telefonia cellulare a partire dal vecchio sistema TACS degli anni ’80.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.