#260 - 4 aprile 2020
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 29 maggio, quando lascerà il posto al numero 264. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all’infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perché i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Televisione

Televisione, gioia e dolore

Zapping

Frammenti semiseri di cronaca televisiva

di Luigi Capano

Se ci venisse, in questi giorni casalinghi, l’uzzolo dell’amarcord e volessimo rivivere, sia pure in modo alquanto leggero e maccheronico, i bei tempi che precedettero l’invasione pandemica del virus coronato, non potremmo evitare di gettare uno sguardo nella casa del Grande Fratello Vip su Canale 5, dove un pugno di cavie da telelaboratorio - e con un pedigree più o meno commendevole - trascorrono il tempo nel cazzeggio totale ad onta di tutte le tragedie in corso ed affrancate da tutte le disposizioni governative vigenti, sotto l’occhio vigile del conduttore, l’abile e misurato Alfonso Signorini.
Possiamo affermare che la casa del Grande Fratello e l’Antartide, sono al momento l’unica certezza edenica in un mondo senza rotta.

ZappingZapping

Giunge purtroppo notizia quotidiana che fuori dalle nostre case-guscio circola gente che delinque approfittando della forzata desertificazione urbana, che si introduce negli ospedali danneggiando strumentazione sanitaria, che coltiva, nonostante tutto, il vizio della truffa.
Inutile commentare che si tratta di individui dalle fattezze umane ma dall’interiorità mineralizzata e che, data l’eccezionalità del momento, andrebbero eccezionalmente perseguiti – a nostro avviso- con attenta e meticolosa ferocia.
Ma, da una giustizia che, con zelo, si mostra eunuca già nell’ordinario, non possiamo aspettarci più di tanto in situazioni d’emergenza.

ZappingZapping

Rimarrà nella storia, a simbolo di questa tragica vicenda, la preghiera solitaria di Papa Francesco in una metafisica Piazza S. Pietro spoglia, senza pubblico, solcata da una pioggia leggera, annunciata dal rintocco delle campane e dal controcanto fischiante delle sirene delle ambulanze.
Una scenografia grandiosa che ricorda i momenti indelebili dei funerali di Giovanni Paolo II con le pagine del vangelo aperte sulla bara e sfogliate dal vento.
Sospettiamo che in Vaticano si annidi un genio della comunicazione in grado, con la maestria di un pittore secentesco, di teatralizzare anche la realtà più cupa.

ZappingZapping

Proprio mentre scriviamo queste righe leggiamo su Facebook un post del Sindaco di Roma Virginia Raggi appena pubblicato che recita:
“Sono state danneggiate sei targhe toponomastiche e alcuni vasi antichi a Villa Doria Pamphili. E’ un gesto vergognoso e intollerabile, ancor più in un momento come quello che stiamo vivendo. Mi auguro che i vandali siano rintracciati e puniti severamente”.
Un augurio che è un evidente segno di impotenza. E quel “puniti severamente”, come se quegli individui fossero saliti sull’autobus senza pagare il pedaggio, lo troviamo francamente irritante.

AFORISMI - Non possiamo pretendere che le cose cambino se continuiamo a fare sempre le stesse cose (A.Einstein) - Chi brucia libri, prima o poi, arriverà a bruciare anche esseri umani (H.Heine) - Chi ha cari i valori della cultura non può essere che pacifista (A. Einstein) - Se un uomo non ha ancora scoperto qualcosa per cui morire non ha ancora iniziato a vivere (M.L.King) - Spesso commette ingiustizia non solo colui che fa qualcosa ma anche colui che non la fa (Marco Aurelio) -