#250 - 2 novembre 2019
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 15 novembre, quando lascerà il posto al numero 251. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcuni aforismi: Se sei felice non urlarlo, il dolore ha il sonno leggero - Trovo che la televisione sia molto educativa, ogni volta che qualcuno l'accende vado in un'altra stanza a leggere un libro (G.Marx) - Non c'è nulla di più facile che smettere di fumare, io stesso ho smesso già 137 volte! (M. Twain) - Quando voglio prendere una decisione di gruppo, mi ricordo di specchi (W. Buffet) - L'alcol uccide lentamente. Non c'è problema, non ho fretta! (G. Courteline) - Quando dicono che lo fanno per il tuo bene, generalmente è per il loro - L'uomo ha inventato la bomba atomica ma nessun topo costruirebbe una trappola per topi (E. Eistein) - E' un peccato che peccare sia peccato (F. Collettini) - E' ridicolo come ti sei bardato per questo mondo! (F. Kafka) -
Televisione

Televisione, gioia e dolore

Zapping

Frammenti semiseri di cronaca televisiva

di Luigi Capano

Ci sono periodi come l’attuale – che si ripresentano aleatoriamente a intervalli irregolari- in cui prediligo il frigorifero e il forno elettrico al televisore. Il mesto telecomando, abbandonato sul tavolo, mi sta guardando in tralice, ma nessun senso di colpa mi fa recedere da questa santa inerzia televisiva che dolcemente mi avvolge in questo tiepido scorcio d’anno. Un’inerzia salutare e salvifica provocata, ne ho il sospetto, dall’eccesso di politicume, di vacuo chiacchiericcio istituzionale, dispensato nelle ultime settimane, a piene mani e a pieni polmoni, più o meno ecumenicamente, da tutte le emittenti TV; con conseguente sovraesposizione acustica dei teneri ammennicoli che più di una volta hanno rasentato lo sgretolamento. Un sarabanda di parole, dalle più ovvie alle più stravaganti, che mi ha fatto ripetutamente invocare a mani giunte il mistico silenzio claustrale.

ZappingZapping

Mi sovviene lo scaltro Bruno Vespa che nel suo classico “Porta a Porta”- un programma che per la sua influenza nell’agone politico qualcuno ha chiamato “la terza Camera del Parlamento”- ha organizzato un seguitissimo wrestling tra Matteo Salvini, leader della Lega e Matteo Renzi, neoleader di Italia Viva, i due parlamentari di maggiore impatto scenico, senza ombra di dubbio.
Si è trattato di un confronto dal peso politico insignificante che ha tentato di ricalcare, in una forma molto sbiadita, le memorabili sfide televisive tra Giorgio Almirante e Marco Pannella, uomini di spessore ben diverso, s’intende.

ZappingZapping

E che dire poi di tutto l’imbonimento elettorale attorno alle regionali in Umbria con i reiterati appelli agli “Italiani”, entità astratta per non dire fantomatica! E ancora la solita stucchevole retorica sugli immigrati- pro e contro – e sul polveroso “razzismo”. E ancora il nuovo, vecchio, inutile governo che, come i precedenti, non è in grado di governare se non con la dittatura delle tasse, la cui insopportabile molestia giustificherebbe da sola ormai una rivolta armata. E quel Movimento Cinque Stelle - col suo giovane, sempresorridente leader Luigi Di Maio - che confonde il “trans-ideologico”, come usa dire, col cerchiobottismo e stringe alleanze con cani e porci indistintamente. Ci ha consolato, in questi giorni uggiosi, rivedere in un canale della rete Mediaset, i vecchi film del ciclo di Don Camillo e Peppone (due personaggi-archetipi, usciti dalla penna del grande Giovannino Guareschi) fotografia di un’epoca remota che usiamo chiamare, con altezzosa civetteria, prima Repubblica e che rischiamo purtroppo di rimpiangere.

ZappingZapping

SULL'AMORE - L'amore ha le sue ragioni che la ragione non conosce (B. Pascal) - L'amore nasce di nulla e muore di tutto (A. Karr) - L'amore rende valoroso anche il codardo (Plutarco) - L'amore non va pronunciato, va dimostrato (Aphoriistikon) - Coloro che vivono d'amore vivono d'eterno (E. Verhaeren) - Amore non è amore se muta quando trova un mutamento (W. Shakespeare) - L'amore è la saggezza dello sciocco e la follia del saggio (S. Johnson)