#242 - 15 giugno 2019
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rester in rete fino alla mezzanotte del giorno 27 gennaio quando lascer il posto al numero 300. ORA per VOI un po' di SATIRA - Finch ti morde un lupo, pazienza; quel che secca quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Fotografia

Una nota di Affari Italiani

Castel Romano - Designer Outlet

La guerra di Rino Barillari

La mostra che vale una vita di fotografie - Testimonial Sandra Milo

I due mantra con cui Rino Barillari, l’ex ragazzino calabrese che scattava foto ai turisti a Fontana di Trevi divenuto l’incontrastato "King dei paparazzi" dalla via Veneto della Dolce Vita, adesso riassume il suo lavoro per tre mesi alle porte di Roma.

La guerra di Rino BarillariLa guerra di Rino Barillari

La mostra “Rino Barillari, 40 scatti della mia Dolce vita” con le gigantografie delle varie Audrey Hepburn, Grace Kelly e Anna Magnani seminate lungo il percorso dell’outlet, è stata inaugurata il 6 giugno e resterà visitabile per il periodo dell'intera estate.

La mostra - curata da Antonella Piperno e celebrata con un evento cui insieme alla testimonial Sandra Mil0, protagonista di una foto giovanile che campeggia fra quelle esposte, ha già avuto ospiti personaggi dello spettacolo come Eleonora Daniele, Paolo Conticini, Livio Beshir, Vanessa Gravina e Beppe Convertini, - è il risultato di una selezione “sentimentale” dallo sterminato archivio di Rino Barillari che nella sua carriera ha scattato tre milioni di fotografie.

La guerra di Rino BarillariLa guerra di Rino Barillari

Immagini talvolta facili da incamerare, ma spesso complicate, tant’è che racconta il King dei paparazzi all’Agi, nella sua vita (oggi ha 74 anni) ha collezionato “166 ricoveri al pronto soccorso, una coltellata, 11 costole rotte e 40 flash fracassati da chi non gradiva di essere ritratto”.

Quelle esposte nella mostra sono foto in bianco e nero che immortalano, con grande spazio ai dettagli modaioli, la magia della capitale quando era la Hollywood sul Tevere, popolata da star internazionali come Frank Sinatra, Audrey Hepburn, Ava Gardner, principesse come Grace Kelly e grandi dive nostrane come Anna Magnani e Sophia Loren.

La guerra di Rino BarillariLa guerra di Rino Barillari

La foto alla quale Barillari è più affezionato, ammette, è quella di Anna Magnani: “Era una diva assoluta” analizza “ma è sempre rimasta Nannarella, donna alla mano che non si è mai negata ai fotografi. Quando capito al Circeo vado sempre a portare una rosa sulla sua tomba: le sono devoto perché mi ha fatto crescere professionalmente, creando lei stessa le situazioni fotografiche vincenti: mi vedeva ragazzino e allora mi aiutava, ad esempio addentando una mela presa su una bancarella e mettendosi in posa. Io tornavo al giornale con quelle foto meravigliose e i miei capi, stupiti, mi chiedevano: “Ma come hai fatto?”.

La guerra di Rino BarillariLa guerra di Rino Barillari

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.