#238 - 13 aprile 2019
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 maggio, quando lascerà il posto al numero 240. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi SATIRIKON: Se sei felice non urlarlo, il dolore ha il sonno leggero - Trovo che la televisione sia molto educativa, ogni volta che qualcuno l'accende vado in un'altra stanza a leggere un libro (G.Marx) - Non c'è nulla di più facile che smettere di fumare, io stesso ho smesso già 137 volte! (M. Twain) - Quando voglio prendere una decisione di gruppo, mi ricordo di specchi (W. Buffet) - L'alcol uccide lentamente. Non c'è problema, non ho fretta! (G. Courteline) - Quando dicono che lo fanno per il tuo bene, generalmente è per il loro - L'uomo ha inventato la bomba atomica ma nessun topo costruirebbe una trappola per topi (E. Eistein) - E' un peccato che peccare sia peccato (F. Collettini) - E' ridicolo come ti sei bardato per questo mondo! (F. Kafka) -
Iniziative

Roma - Notte Bianca a Regina Coeli

L' antico torchio

di Laura Carlodalatri

Notte bianca di Regina Coeli: un nome coinvolgente per fermare nella memoria un momento storico: la cerimonia di ricollocamento del torchio utilizzato per stampare le prime Gazzette Ufficiali del Regno d’Italia.
Nel 1861 Il re Vittorio Emanuele sceglieva, per l’organo ufficiale di stampa del neo nato Regno, la Tipografia torinese dei Fratelli Botta. Non passava molto che uno sciopero degli operai metteva in crisi l’intero apparato politico. Si decideva dunque di far stampare la Gazzetta in un carcere per evitare il rischio di nuove interruzioni.

L' antico torchioL' antico torchio

Nella prefazione di Assunta Borzacchiello alla Storia di Regina Coeli e delle carceri romane scritta dal medico penitenziario e storiografo Giuseppe Adinolfi (ed. Bonsignori), si legge che il torchio fu acquistato nel 1883. Fu quindi collocato in un locale di Regina Coeli e, con l’ausilio di macchinari provenienti dal carcere di Civitavecchia, andò a costituire l’arredo della nuova tipografia. La mano d’opera detenuta -ricorda la Borzacchiello- già utilizzata per la ristrutturazione dell’ex Monastero delle Mantellate, veniva ora di nuovo utilizzata per la stampa della Gazzetta, sollevando il malcontento della popolazione civile che si vedeva sottrarre lavoro. Smessone l’uso, il torchio veniva messo in bella vista nell’atrio d’ingresso del carcere di Regina Coeli. A causa di una ristrutturazione, nei primi anni novanta fu depositato all’aperto, in uno dei cortili interni.

L' antico torchioL' antico torchio

Nella recensione della Borzacchiello si legge ancora: “Adinolfi suggerì alla direzione del carcere ed al Museo Criminologico di intervenire per recuperare la macchina, per il valore storico che essa riveste, prima che le varie parti divenissero inutilizzabili. Il Museo Criminologico tentò di acquisire il torchio, ma l’eccessivo peso ne rese impossibile il trasporto in via del Gonfalone, dove, fra l’altro, manca lo spazio adatto per esporlo…”.

L' antico torchioL' antico torchio

Nel 2018 il Rotary E-Club Roma - con la partecipazione della Commissione Rotary Dal Carcere alla Società del Distretto 2080 ed in sintonia con la linea d’azione della direttrice dell’Istituto, dott.ssa Silvana Sergi - vara un progetto per il finanziamento e la ristrutturazione del torchio. L’opera viene completata nel marzo del 2019 grazie anche e soprattutto alla fondamentale collaborazione di alcuni detenuti e operatori interni all’Istituto.
La cerimonia del ricollocamento è stata organizzata in Interclub con il Rotary Club Roma Olgiata e si è svolta il 28 marzo 2019 nella Biblioteca di Regina Coeli, in via della Lungara 29, a Roma.

L' antico torchioL' antico torchio

Nel corso della emozionante cerimonia, i visitatori hanno incontrato i detenuti protagonisti del restauro, ed uno di loro ha letto brani tratti dalle Sacre Scritture, sotto la guida del cappellano del carcere, padre Vittorio Trani, conduttore d’eccezione di tutta la serata.
Al successo della serata, cui hanno partecipato Autorità rotariane e civili, ha contribuito la partecipazione straordinaria dei Maestri Romolo e Massimo Di Sano, rispettivamente tenore e musicista, entrambi insegnanti in Conservatorio.

L' antico torchio

SAGGEZZE DI APHORISTIKON - Siamo ciò che crediamo di essere e il mondo ci appare come crediamo che sia (L. Bissett) - Bisogna vivere come si pensa, altrimenti si finirà di pensare come si è vissuto (P. Bouget) - Gran parte del progresso sta nella volontà di progredire (L. Seneca) - La vera rivoluzione deve cominciare dentro di noi (E.Che Guevara) - Diventa chi sei ! (F.Nietzsche) - L'istruzione è l'arma più potente per cambiare il mondo (n: Mandela) -E' criminale voler reprimere una guerra con un'altra guerra (J.Mujica) -