#232 - 21 dicembre 2018
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero resterà in rete fino a venerdi 23 agosto, quando cederà il posto al n° 245. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere è uno che vi presta l'ombrello quando c'è il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente è che si può fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Religione

Riflessione che vale per ogni giorno

Un'omelia di Francesco

Generosità e consumismo

Parole semplici per un natale solidale

Generosità e consumismoGenerosità e consumismo

Nemico della generosità è il consumismo.
È questo il cuoredi un'’omelia di Papa Francesco, a Casa Santa Marta.
Papa Francesco esorta a chiedersi come poter essere più generosi con i poveri, anche con “le piccole cose”. E avverte che nemico della generosità è il consumismo, spendere più di quello di cui abbiamo bisogno.

Generosità e consumismoGenerosità e consumismo

Secondo quanto diffuso da Vatican News, il Papa rileva che tante volte nel Vangelo Gesù fa il contrasto fra ricchi e poveri, basti pensare al ricco Epulone e a Lazzaro o al giovane ricco. “Non si può servire due signori: servire Dio e servire le ricchezze”, dice il Pontefice.

Generosità e consumismoGenerosità e consumismo

Papa Francesco commenta a Santa Marta: “Una chiamata alla generosità. E la generosità è una cosa di tutti i giorni, è una cosa che noi dobbiamo pensare: come posso essere più generoso, con i poveri, con i bisognosi … come posso aiutare di più? Ma lei sa, Padre, che noi appena arriviamo alla fine del mese – Ma qualche monetina ti avanza? Pensa: si può essere generosi con quelle …. Pensa. Le piccole cose: facciamo, per esempio, un viaggio nelle nostre stanze, un viaggio nel nostro guardaroba. Quante paia di scarpe ho? Uno, due, tre, quattro, quindici, venti … ognuno lo può dire. Un po’ troppo … Io ho conosciuto un monsignore che ne aveva 40 … Ma, se hai tante scarpe, dà la metà. Quanti vestiti che non uso o uso una volta l’anno? E’ un modo di essere generoso, di dare quello che abbiamo, di condividere”.

Generosità e consumismoGenerosità e consumismo

Ma c’è un forte rischio. Il Papa mette in guardia: “Ma, c’è un’altra malattia, che è la malattia contro la generosità, oggi: la malattia del consumismo.E consiste nel comprare, sempre, cose. Io non dico che tutti noi facciamo questo, no. Ma il consumismo, lo spendere più di quello di cui abbiamo bisogno, una mancanza di austerità di vita: questo è un nemico della generosità. E la generosità materiale pensare ai poveri, questo posso dare perché possano mangiare, perché si vestano queste cose, ha un’altra conseguenza: allarga il cuore e ti porta alla magnanimità”.

Generosità e consumismoGenerosità e consumismo

SULL'AMORE - L'amore ha le sue ragioni che la ragione non conosce (B. Pascal) - L'amore nasce di nulla e muore di tutto (A. Karr) - L'amore rende valoroso anche il codardo (Plutarco) - L'amore non va pronunciato, va dimostrato (Aphoriistikon) - Coloro che vivono d'amore vivono d'eterno (E. Verhaeren) - Amore non è amore se muta quando trova un mutamento (W. Shakespeare) - L'amore è la saggezza dello sciocco e la follia del saggio (S. Johnson9