#230 - 17 novembre 2018
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero resterà in rete fino a venerdi 23 agosto, quando cederà il posto al n° 245. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere è uno che vi presta l'ombrello quando c'è il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente è che si può fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Televisione

Televisione gioia e dolore

Zapping

Frammenti semiseri di cronaca televisiva

di Luigi Capano

ZappingZapping

Il 4 novembre è una data storica: oggi si celebra il centenario della vittoria italiana nella Grande Guerra.

E’ domenica e ci piace, come d’abitudine, sintonizzarci su Linea Verde, il programma di Rai1 che da decenni illustra l’eccellenza dell’agricoltura italiana.
L’avvenente Daniela Ferolla – Miss Italia 2001 e conduttrice assieme a Federico Quaranta – sta intervistando, nel trevigiano, il professor Alessandro Campi, storico e politologo.
Perché è importante non dimenticare? le rievocazioni storiche sono importanti, ed è importante festeggiare… – chiede assertiva.
Le settimane scorse si è fatta un po’ di polemica sulla storia, la si vorrebbe togliere perfino dalle prove d’esame – ricorda Camp i- ma la storia – aggiunge - non è una disciplina, non è una materia. La storia è quello che noi siamo stati, quello che dobbiamo ricordare… afferma incamminandosi per un sentiero boschivo in compagnia della bella Daniela che prontamente lo incalza: Ha senso parlare ancora oggi di una guerra eroica? Ed il Prof. : La guerra in sé non è mai eroica. Ci possono essere atti di eroismo singoli all’interno della guerra. Oggi si parla di guerra post-eroica, però credo che sia veramente una grandissima ipocrisia. Il fatto che si possa uccidere da remoto - come si dice - premendo un pulsante, non vedendo in faccia l’avversario, non vuol dire che non ci sia poi una persona che muoia davvero. Abbiamo sterilizzato la guerra con l’illusione che così facendo si sterilizzi anche la morte.

ZappingZapping

Una Web TV ci ha incuriosito assai. Si tratta di Labaro TV, libera televisione comunista, che ha trasmesso un frammento della manifestazione antifascista del 27 ottobre a San Lorenzo, un quartiere della Capitale tradizionalmente “rosso”. Si trattava della colorita e vernacolare testimonianza di un anziano signore del quartiere, alle cui spalle campeggiava l’insegna dell’Associazione post-bellica ANPI. Nel nostro quartiere quando io ero regazzino,- ricorda con reviviscenza - in ogni locale c’era l’orchestrina e noi ballavamo, cantavamo e facevamo le sfide degli stornelli. E non succedeva mai niente, era un quartiere divino, una cosa inimmaginabile. Pure durante il fascismo abbiamo fatto questo; poi, come sono entrati gli americani, hanno rovinato tutto er monno. Dove arrivano gli americani rovinano tutto il mondo come a San Lorenzo che sono venuti con le super fortezze volanti a bombardare, ed io stavo sotto. Stavo al carcere minorile a vie dei Reti perchè avevo menato ar fijo de ‘n fascista (parte una salva di applausi) e mi hanno portato al carcere. Le prime bombe sono cadute sul carcere; io mi sono buttato dal secondo piano e sono corso verso il Verano…

Sempre a proposito di fascismo, argomento che, chissà perché, non passa mai di moda, sorprendiamo – con sconfortante sorpresa – la senatrice a vita Liliana Segre affermare da un pulpito istituzionale, con tono severamente materno e sguardo lungimirante: Secondo me dobbiamo lavorare contro la fascistizzazione del senso comune. Ma perché sempre questa inutile, abusata, maleodorante paccottiglia? La storia, sì, è importante ricordarla e forse, talvolta, è istruttiva…ma sarebbe un guaio se da strumento di conoscenza si trasformasse – sfuggendo al controllo della ragione - in una pania soffocante, coattiva e onnipresente.

SULL'AMORE - L'amore ha le sue ragioni che la ragione non conosce (B. Pascal) - L'amore nasce di nulla e muore di tutto (A. Karr) - L'amore rende valoroso anche il codardo (Plutarco) - L'amore non va pronunciato, va dimostrato (Aphoriistikon) - Coloro che vivono d'amore vivono d'eterno (E. Verhaeren) - Amore non è amore se muta quando trova un mutamento (W. Shakespeare) - L'amore è la saggezza dello sciocco e la follia del saggio (S. Johnson9