#221 - 23 giugno 2018
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 agosto, quando lascerà il posto al numero 224. BUONA LETTURA A TUTTI - ORA, PER VOI AMANTI DEGLI ANIMALI : E' una gran vergogna spargere il sangue e divorare le belle membra di animai ai quali è stata tolta violentemente la vita (Empedocle) - La caccia, se non è per la sopravvivenza, è una forma di guerra (J. W. von Goethe) - L'uomo si differenzia dagli animali perchè è assassino ( E. Fromm) - Torturare un toro per il piacere, per divertimento, è molto più che torturare un animale, è torturare una coscienza ( V. Hugo) - Un gatto non dormirebbe mai sopra un livbro mediocre (H. Weiss) - Il cane è la virtù che, non pogtendo farsi uomo, s'è fatta bestia (V. Hugo) - Se raccoglierete un cane affamato e lo nutrirete non vi morderà, ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) -
Cinema

Con una retrospettiva dedicata ad Arrigo Frusta

Bologna

Cinema ritrovato

XXXII edizione del Festival

di Federica Fasciolo

Cinema ritrovatoCinema ritrovato

Il Museo Nazionale del Cinema è presente alla 32a edizione del prestigioso Festival Il cinema ritrovato (Bologna, 23 giugno - 1 luglio 2018) con l’anteprima di un nuovo restauro, quattro nuove preservazioni di rare copie nitrato, la presentazione in programma di cinque precedenti restauri realizzati negli anni passati e di sei copie d’archivio 35mm provenienti dalla vasta collezione torinese.
E’ inoltre a cura del Museo Nazionale del Cinema e della Fondazione Cineteca di Bologna la retrospettiva dedicata ad Arrigo Frusta, pioniere sceneggiatore del cinema muto italiano, del quale l’Archivio Storico del Museo conserva il ricco fondo di sceneggiature, soggetti e documenti.

Cinema ritrovatoCinema ritrovato

Sarà presentato in anteprima internazionale, nella sezione Ritrovati e Restaurati, il restauro di "Nerone" (1909) di Luigi Maggi e Arturo Ambrosio, curato dal Museo Nazionale del Cinema con la Cineteca di Bologna e il Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale di Roma in collaborazione con l’EYE Filmmuseum di Amsterdam e la Deutsche Kinemathek di Berlino.

Cinema ritrovatoCinema ritrovato

Le quattro nuove preservazioni di rare copie nitrato provenienti dal BFI National Archive di Londra, realizzate dal Museo Nazionale del Cinema in collaborazione con la Cineteca di Bologna, sono "La fucina" (1910), "La regina di Ninive" (1911), "Il granatiere Roland" ( 1911) e "La lampada della nonna" (1913).

Cinema ritrovatoCinema ritrovato

La retrospettiva Arrigo Frusta e l’officina della scrittura, curata Claudia Gianetto e Stella Dagna del Museo del Nazionale del Cinema e da Andrea Meneghelli della Cineteca di Bologna, vuole offrire un assaggio - proprio a partire dalla versione restaurata di "Nerone" (1909) - del mondo di storie che presero corpo sulla scrivania del prolifico sceneggiatore: tra imperatori e martiri risorgimentali, eroine romantiche e implacabili amazzoni, assassini psicopatici e principi delle favole in crisi depressiva, l’universo di Frusta ci offre un caleidoscopico punto di vista sulla produzione del cinema muto italiano.

Cinema ritrovatoCinema ritrovato

Nella frizzante Torino degli anni Dieci, Arrigo Frusta (1875-1965), al secolo Augusto Sebastiano Ferraris, era direttore dell’Ufficio soggetti della casa di produzione Ambrosio. Eclettica figura di intellettuale bon vivant, notaio mancato e giornalista per vocazione, fu conquistato alla neonata cinematografia nazionale dalla curiosità verso la nuova tecnologia e anche dalle allettanti 300 lire mensili. Schiller, Virgilio, Balzac, Manzoni, D’Annunzio e Shakespeare, nessun adattamento era troppo impervio per la penna di Frusta che con più di 250 tra sceneggiature e soggetti realizzati al suo attivo, contribuì in maniera determinante a sistematizzare e orientare la pratica del ‘cinema scritto’. Frusta fondò nel 1953, insieme a Maria Adriana Prolo, Giovanni Pastrone, Leonardo Mosso e Mario Gromo, l’ Associazione Culturale del Museo del Cinema da cui nascerà, il 27 settembre 1958, il Museo del Cinema nella sede storica di Palazzo Chiablese.

Cinema ritrovatoCinema ritrovato

A testimoniare la poliedrica produzione di Frusta, anche preziose copie d’archivio 35mm provenienti dalla collezione torinese: Buon anno! (1909), Giuda (1911), La madre e la morte (1911), Sogno di un tramonto d’autunno (1911), Una partita a scacchi (1912) e La maschera pietosa (1914).

Infine, tra i restauri del Museo realizzati negli anni passati e ripresentati in differenti sezioni di questa edizione del festival ci saranno Spergiura! (1909), Raggio di sole (1912), La ribalta (1912), Mariute(1918) e infine La moglie di Claudio (1918), intensa interpretazione di Pina Menichelli.

Cinema ritrovatoCinema ritrovato

Da anni impegnato nel recupero e nel restauro di pellicole che si pensavano irrimediabilmente perdute, il Museo Nazionale del Cinema di Torino conferma ancora una volta la sua vocazione di ente destinato al recupero, al restauro, alla conservazione e alla divulgazione del patrimonio filmico mondiale. Se negli anni più recenti di attività un’importante costante è rappresentata dall’attenzione per il cinema sonoro d’autore, molti dei restauri realizzati rientrano nell’ampio progetto di valorizzazione del cinema muto italiano promosso dal Museo Nazionale del Cinema - in collaborazione con importanti istituzioni in Italia e nel mondo - e che ha fatto del museo torinese un punto di riferimento nel panorama cinematografico internazionale.

Cinema ritrovatoCinema ritrovato

PROVERBI ROMANESCHI - Rigalà èmmorto, Donato sta ppe' morì, Tranquillo se lo so n'groppato e Pazienza sta ar gabbio - La farfalla tanto gira al lume finchè s'abbrucia l'ale - Er gobbo vede la gobba dell'antri gobbi ma nun riesce a trovasse la sua - Oro e argento in core, mànneno a spasso fede, speranza e amore - Cent'anni de pianti nun pagheno un sordo de debiti - Qanno te sveji cò quattro palle, er nemico è alle spalle - Non sputà in cèlo che te ricasca 'n bocca! - Mejo puzzà de vino che d'acqua santa -