#215 - 7 aprile 2018
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 22 giugno, quando lascerà il posto al numero 221. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi SATIRIKON: Se sei felice non urlarlo, il dolore ha il sonno leggero - Trovo che la televisione sia molto educativa, ogni volta che qualcuno l'accende vado in un'altra stanza a leggere un libro (G.Marx) - Non c'è nulla di più facile che smettere di fumare, io stesso ho smesso già 137 volte! (M. Twain) - Quando voglio prendere una decisione di gruppo, mi ricordo di specchi (W. Buffet) - L'alcol uccide lentamente. Non c'è problema, non ho fretta! (G. Courteline) - Quando dicono che lo fanno per il tuo bene, generalmente è per il loro - L'uomo ha inventato la bomba atomica ma nesun topo costruirebbe una trappola per topi (E. Eistein) - E' un peccato che peccare sia peccato (F. Collettini) - E' ridicolo come ti sei bardato per questo mondo! (F. Kafka) -
Cultura e Società

Un fenomeno esteso in molti paesi del mondo

Italia: cresce razzismo e xenofobia

Il Rapporto Amnesty International

di certosino

Italia: cresce razzismo e xenofobiaItalia: cresce razzismo e xenofobia

Il mondo sta raccogliendo i frutti della retorica intrisa d’odio che normalizza molte discriminazioni.
A denunciarlo è Amnesty International, nel suo rapporto 2017-2018 sulla situazione dei diritti umani in 159 Paesi del mondo.
– Dal 2014 ad oggi sale l’onda di ostilità per l’extracomunitario. – E anche rispetto al 2017 c’è un’impennata dell’odio verso ‘gli altri’ e verso chi li aiuta. – Il fenomeno anche in altri paesi europei, come l’Ungheria e poi negli Stati Uniti, nelle Filippine, Myanmar e in Egitto.

Italia: cresce razzismo e xenofobiaItalia: cresce razzismo e xenofobia

C’è un tema che accomuna, nel male, la vita di 159 Paesi del mondo. E questo filo rosso si chiama odio. ‘Hate speech’, incitamento all’odio, la contrapposizione ‘noi-loro’, spesso prodotta dagli stessi governanti, a generare nel mondo la più comune violazione dei diritti umani.
«Lo scorso anno il nostro mondo è stato immerso nelle crisi e importanti leader ci hanno proposto la visione di una società accecata da odio e paura», ha denunciato Salil Shetty, segretario generale dell’organizzazione. Dalla persecuzione della minoranza Rohingya in Birmania alle politiche anti-migranti del presidente americano Donald Trump, dal giro di vite sul dissenso e sulla libera espressione in Turchia ai tentativi di minare i diritti delle donne in Polonia, Russia e Usa.

Italia: cresce razzismo e xenofobiaItalia: cresce razzismo e xenofobia

Italiani brava gente?
La leggenda del popolo di buon cuore, a sentire Amnesty International, registra evoluzioni poco rassicuranti. Perché proprio l’Italia sembra concentrare più di altri Paesi europei le dinamiche di ‘tendenza all’odio’ segnalate un po’ ovunque nel mondo, segnala Gianni Rufini, direttore di Amnesty Italia, nel rapporto 2018.
Un’Italia “intrisa di ostilità, razzismo, xenofobia e paura ingiustificata dell’altro”. In altre parole, quello che appena nel 2014 era un paese “orgoglioso di salvare le vite dei rifugiati, che considerava l’accoglienza un valore importante”, oggi è ostaggio dei discorsi xenofobi. Nel 2017, dal ‘noi contro loro’ si è passato al ‘noi contro voi che state con loro’. E quel ‘voi’ sono gli italiani che con le associazioni o con altre forme di volontariato praticano la solidarietà.

Italia: cresce razzismo e xenofobiaItalia: cresce razzismo e xenofobia

I pronunciamenti non aiutano discorsi equilibrati. “Prima gli italiani” o slogan come “Sostituzione etnica”, sempre più diffusi sui social network. Facile da capire quali parti politiche li stanno usando di più. L’Italia comunque, è solo l’ultimo Paese ad affiancarsi in una direzione già mostrata dall’Ungheria di Orban, dagli Usa di Trump, dalle Filippine di Rodrigo Duterte. Ma nel rapporto 2018 di Amnesty la visione del mondo non è del tutto negativa.
Se i leader coltivano la diffidenza per accrescere il proprio potere, la società civile reagisce, costruendo un dissenso maturo, con una capacità di mobilitazione che supera gli steccati del dogma. Il mondo del dopo-ideologie è dipinto con scorci disperanti ma anche accenni di speranza.

Italia: cresce razzismo e xenofobiaItalia: cresce razzismo e xenofobia

La mappa dei diritti umani di Amnesty non risparmiano nessuno. La Casa Bianca, che ha deciso di vietare l’ingresso in Usa a persone provenienti da diversi paesi musulmani, la premio Nobel Auung San Suu Kyi, sotto il cui sguardo impassibile si svolge la persecuzione dei Rohingya in Myanmar, il presidente egiziano Abd al-Fattah Al-Sisi o Duerte, l’“uomo forte” di Manila. Passerella di governi autocratici dotati di quella che Amnesty chiama ‘retorica tossica’. Contro, sempre più società civile. Contro la Casa Bianca #MeToo, o “Ni Una Menos”, in Cile il divieto totale di aborto viene ridimensionato, a Taiwan si va avanti verso un matrimonio egualitario, in Nigeria rallentano gli sgomberi forzati.

Italia: cresce razzismo e xenofobiaItalia: cresce razzismo e xenofobia

C’è però il pericolo di un bavaglio, denuncia Amnesty: la tendenza a promuovere notizie false e a contestare l’autenticità di quelle sgradite, e la libertà d’espressione diventa un terreno di battaglia. Amnesty prevede che «la tendenza di importanti leader a promuovere fake news per manipolare l’opinione pubblica e gli attacchi a organismi di controllo sui poteri» faranno sì che «la libertà di espressione sarà quest’anno terreno di battaglia per i diritti umani». «Nel 2018, non possiamo dare per scontato che saremo liberi di radunarci per protestare o criticare i nostri governi: prendere la parola sta diventando sempre più pericoloso», ha detto Shetty.

Italia: cresce razzismo e xenofobia

APHORISTIKON - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare) -