#215 - 7 aprile 2018
AMICI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà a massacrare gli animali non conoscerà ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
alimentazione

Ministero dei Beni Culturali e Ministero dell'Agricoltura
2018: Anno dedicato al cibo

Nota da "In Terris""

Ogm e Made in Italy

Intervista di Federico Cenci all'Onorevole Andrea Olivero

Il viceministro dell'Agricoltura spiega anche l'impegno

a difesa del made in Italy dei prodotti alimentari

Ogm e Made in ItalyOgm e Made in Italy

È entrato in vigore l’obbligo di etichettatura di pasta e riso.
Si tratta, secondo Coldiretti, di una norma che “mette fine all’inganno dei prodotti importati, spacciati per italiani, in una situazione in cui un pacco di pasta su tre è fatto con grano straniero”.
La difesa del made in Italy nel settore agroalimentare passerebbe dunque da misure come questa.
Ma tanto altro va ancora fatto. In Terris ne ha discusso con Andrea Olivero, viceministro dell’Agricoltura. L’ex presidente nazionale delle Acli ha parlato anche degli accordi internazionali sul commercio di prodotti agroalimentari, di Ogm, di capolarato.

Ogm e Made in ItalyOgm e Made in Italy

On. Olivero, da qualche giorno è entrato in vigore l’obbligo di etichettatura di pasta e riso. Quali altre misure devono essere adottate per tutelare il made in Italy in agricoltura?
“Siamo partiti dall’obbligo di etichettatura delle carni fresche, siamo passati al latte e ai formaggi, ora siamo arrivati alla pasta e al riso. Sappiamo tuttavia che ci sono diversi prodotti agroalimentari che necessitano ancora di tracciabilità.
Dunque il primo lavoro da fare è completare questa iniziativa che è stata iniziata. Dobbiamo inoltre proseguire il lavoro per evitare che il falso made in Italy circoli impunemente nei mercati. In questo senso tanto è stato fatto, negli ultimi quattro anni abbiamo lavorato molto con i Paesi dell’Unione europea per contrastare il fenomeno: oggi è possibile perseguire questi reati con uniformità di leggi. Inoltre, con le tre principali piattaforme di e-commerce abbiamo stipulato un accordo per cui con una segnalazione del Governo italiano, il prodotto falsificato viene ritirato dal mercato on-line entro 24 ore. Ma per valorizzare il prodotto italiano vanno comunque costruiti accordi di filiera, per far collaborare produttore e trasformatore”.

Ogm e Made in ItalyOgm e Made in Italy

Prima ha parlato di accordi internazionali. A settembre è entrato in vigore il trattato di libero scambio con il Canada. Non c’è il rischio che possa danneggiare i nostri produttori? È stata rilevata una mancanza di reciprocità tra i modelli produttivi canadese ed europeo, ad esempio nell’uso di glisofato nel grano o degli ormoni nella carne…
“Bisogna tenere in debita considerazione le preoccupazioni in questo senso. Sappiamo di avere modelli produttivi molto diversi rispetto al Canada, dobbiamo vigilare per tutelare l’eccellenza italiana. Va comunque sottolineato che questo accordo, il Ceta, prevede in modo esplicito che i prodotti che entrano nel mercato europeo debbano avere requisiti sanitari consentiti dall’Ue. Dunque carne con estrogeni o prodotti con determinati pesticidi devono essere vietati. Ricordo però che questo accordo introduce, per la prima volta, il concetto di tutela delle indicazioni geografiche in un Paese nordamericano: oggi oltre il 95% dei prodotti Igp che vendiamo in Canada ha un’etichettatura di riconoscimento”.

Ogm e Made in ItalyOgm e Made in Italy

Con questo accordo non rischiamo di trovare sugli scaffali imitazioni di prodotti alimentari italiani?
“Non c’è alcuna deroga rispetto alle norme italiane sul controllo dell’autenticità dei prodotti. Certamente dobbiamo mantenere un’attenzione massima per garantire che non venga mai concesso l’abuso di nomi italiani per prodotti che italiani non sono. Ma va tenuto in considerazione che nel Nord America, a differenza di quanto avviene ad esempio in Asia, queste produzioni non nascono dalla truffa di qualche speculatore odierno, quanto dal lavoro che imprenditori e agricoltori italo-americani o italo-canadesi hanno iniziato decenni fa. Sta di fatto che dobbiamo sempre garantire la riconoscibilità del prodotto italiano”.

Ogm e Made in ItalyOgm e Made in Italy

Da un recente studio di Scientific Reports risulterebbe che gli Ogm non comportano rischi per la salute. Questa nuova evidenza potrebbe far cambiare l’atteggiamento dell’Italia che attualmente vieta la coltivazione di piante geneticamente modificate?
“Va prestata attenzione alle evidenze che emergono, anche se non basta uno studio da solo per far cambiare atteggiamento. Nelle nostre Università si sta studiando per ottenere tecnologie avanzate no-ogm che riescono a dare quelle risposte che negli anni passati hanno dato i prodotti geneticamente modificati, soprattutto per garantire la resilienza delle specie vegetali. Per l’Italia gli Ogm non rappresentano tanto un problema per la salute, quanto per il mantenimento della biodiversità. E oggi prodotti che ci garantiscono la biodiversità, senza comportare problematiche fitosanitarie”.

Ogm e Made in ItalyOgm e Made in Italy

Durante questa legislatura è stato approvato un provvedimento contro il capolarato in agricoltura. Cosa altro deve essere fatto in questo campo?
“Finalmente c’è una legge che sanziona in modo chiaro il reato, però bisogna fare in modo che venga applicata in tutti i territori in cui si manifesta questa piaga intollerabile. È necessario tuttavia che cambi il modello produttivo. Dobbiamo fare in modo che laddove si usa manodopera sottopagata, attraverso le tecnologie si possa modificare radicalmente la modalità produttiva. Ricordo che contro il capolarato abbiamo introdotto con la legge di stabilità anche i Distretti del cibo, per garantire il valore sul mercato dei prodotti e la giusta retribuzione dei soggetti che concorrono alla sua produzione”.

Ogm e Made in ItalyOgm e Made in Italy

PROVERBI ITALIANI - 1) A buon cavalier non manca lancia. - 2) A buon cavallo non manca sella. - 3) A buon intenditor poche parole. - 4) A caval donato non si guarda in bocca. - 5) A chi batte forte, si apron le porte. 6) A chi non vuol far fatiche, il terreno produce ortiche. - 7) A chi troppo e a chi niente. - 8) A chi ti porge un dito non prendere la mano. - 9) A goccia a goccia si scava la pietra- 10) A gran salita, gran discesa. -