#214 - 24 marzo 2018
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 22 giugno, quando lascerà il posto al numero 221. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi SATIRIKON: Se sei felice non urlarlo, il dolore ha il sonno leggero - Trovo che la televisione sia molto educativa, ogni volta che qualcuno l'accende vado in un'altra stanza a leggere un libro (G.Marx) - Non c'è nulla di più facile che smettere di fumare, io stesso ho smesso già 137 volte! (M. Twain) - Quando voglio prendere una decisione di gruppo, mi ricordo di specchi (W. Buffet) - L'alcol uccide lentamente. Non c'è problema, non ho fretta! (G. Courteline) - Quando dicono che lo fanno per il tuo bene, generalmente è per il loro - L'uomo ha inventato la bomba atomica ma nesun topo costruirebbe una trappola per topi (E. Eistein) - E' un peccato che peccare sia peccato (F. Collettini) - E' ridicolo come ti sei bardato per questo mondo! (F. Kafka) -
Arte

carta e riciclo artistico

Museo della carta e della filigrana - Fabriano

Meraviglie delle memorie

Mostra del pittore Vittorio Fava

di Giuseppe Salerno

Il Museo della Carta e della Filigrana di Fabriano ospita una preziosa mostra dell’artista romano Vittorio Fava che elabora le sue opere utilizzando frammenti di antichi manoscritti.

Se l’umanità non avesse manifestato la necessità di disporre di un supporto agevole, idoneo ad accogliere e tramandare nel tempo il pensiero che la ha accompagnata e, con esso, la propria storia, la carta non avrebbe avuto ragion d’essere e senza di essa la Città di Fabriano avrebbe vissuto un destino diverso.

Meraviglie delle memorieMeraviglie delle memorie

Fortunatamente è grazie alla carta che Fabriano vanta una storia gloriosa che la ha resa nota in tutto il mondo e che Vittorio Fava, artista romano, ha potuto sviluppare quel percorso davvero singolare di cui ci offre uno spaccato in questa mostra presso il Museo della Carta e della Filigrana fino al 1 aprile.
Alla carta ed in special modo agli antichi manoscritti rinvenuti nei polverosi depositi dei rigattieri di ogni dove ha dedicato grandi attenzioni questo artista che, in decenni di attività, ha individuato in tale materiale l’elemento fondamentale per la messa in scena dei suoi mondi fantastici.

Meraviglie delle memorieMeraviglie delle memorie

Opere a parete, libri-oggetto, mobili e piccole strutture sono le realizzazioni scaturite da un fare dal quale emerge forte il senso della costruzione e della storia.
Frammenti di memorie umane e piccoli elementi naturali si combinano in realizzazioni che, mai risolvendosi in vuoti assemblaggi, ci pongono di fronte a realtà insolite, immaginarie che, alimentate dal passato, ci imbrigliano mentalmente in una dimensione atemporale.

Meraviglie delle memorieMeraviglie delle memorie

Nel fare sperimentale di questo artista il riciclo non è mai fine a se stesso essendo piuttosto il modo prescelto per porre in luce il senso di quel divenire che fa agio sul preesistente e da sempre muove il mondo.
Con riferimento ai suoi mobili improbabili, trasbordanti di cassetti nei quali il ricordo immateriale si fa incrostazione, ogni piccolo elemento concorre a generare luoghi nei quali anonimi conglomerati polimaterici si trasformano in spettacolari contenitori di sogni. Sono aggressioni alchemiche quelle che l’artista esercita su documenti di archivio, manoscritti, trine, fiori essiccati e bottoni il cui incontro origina scenari caldi ed accoglienti pronti a dare spazio a nuove immaginifiche memorie. Ed è così che con Vittorio Fava le tracce del passato si convertono in ammalianti contenitori di futuro.

Meraviglie delle memorieMeraviglie delle memorie

Tentazione alla quale risulta difficile sottrarsi è accostare le opere di questo artista alle wunderkammer, le cinquecentesche camere delle meraviglie che, antesignane del moderno collezionismo, della natura e del prodotto umano mettevano in mostra gli aspetti più spettacolari. Un riferimento indubbiamente affascinante ma riduttivo per opere che ci catturano in modo ben più profondo di quanto possa una, seppur stupefacente, raccolta di oggetti. L’attrazione che i lavori di Vittorio Fava esercitano, muovendosi l’artista su un piano profondo che tocca il senso dell’esistenza, è assai più sottile. Sono opere le sue che si collocano in una dimensione altra, più complessa ed elevata di quella sottesa da ogni singola componente.

Meraviglie delle memorieMeraviglie delle memorie

Come cori polifonici, le composizioni di Vittorio Fava ci inducono all’ascolto di più voci narranti che nel loro sovrapporsi ed intrecciarsi ci conducono in una dimensione estranea al tempo ed allo spazio nella quale, sospeso il respiro, affrontiamo l’assoluto.

                               giussalerno47@gmail.com
APHORISTIKON - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare) -