#208 - 13 gennaio 2018
LA STRISCIA KOMIKA - Attenzione, per arrabbiarsi si mettono in moto 65 muscoli! per sorridere solo 16! Fai economia, sorridi!!! - E' chiaro che i tizi che stanno seduti al bar alle 11 del mattino sanno qualcosa su come ci si guadagna da vivere che noi non sappiamo - Ho bisogno di emozioni forti...vado a leggere il mio estratto conto - Beati i vegetariani... che non possono mangiarsi il fegato - L'unico uomo capace di tenere sveglia una donna tutta la notte, porta il pannolino - Come si chiama...quando tutto va bene? Alcool, si chiama alcool! - Oggi la mia vicina ha urlato così forte a suo figlio che dalla paura mi sono messo a sistemare la camera pure io - L'unica che ti aiuta veramente nel momento del bisogno è la carta igienica -
Cinema

Roma - Centro Aggregativo Apollo 11 - Itis Galilei

Il Deserto e il Rito

Due film di Massimiliano Troiani

I lunedi dell'Apollo 11 presentano "Il Deserto e il Rito" con due film: La voce dei deserti e Tra il vangelo e il vudù - introduce la rassegna il regista Gianfranco Giagni che al termine della proiezione ne discute con il regista dei film Massimiliano Troiani.

La voce dei deserti (Italia, 2006, 10’)
Breve filmato di dieci minuti montato sul testo del grande poeta sufi persiano Gialal al-Din Rumi.
E’ una meditazione sulla vita e sul tempo che scorre, proposta attraverso la storia di un vecchio fiume che si perde tra le sabbie dei deserti e non accetta di vedere avvicinarsi il mare dove, inesorabilmente, finirà la sua corsa, la sua esistenza, per tornare poi ad essere di nuovo vapore, nuvola, pioggia e dunque ancora corso d’acqua, a momenti tortuoso a momenti calmo e imponente.
Girato sui fiumi Nilo, Congo, Sabarmati, Bahr al-Ghazal, alle cascate di Foz de Iguazu e tra le dune di sabbia di Barreiriñas in Brasile: frammenti di antichi corsi d’acqua che si uniscono in un solo grande racconto poetico.

(Regia: Massimiliano Troiani; Sceneggiatura tratto da un racconto di Giallal al - Din Rumi; Voce narrante: Toni Bertorelli; Montaggio: Franco Brandi; Produzione: La Grande Opera)

Il Deserto e il Rito

Tra il vangelo e il vudù (Italia, 2016-17, 45’)
Golfo di Guinea. “Per sapere cos’è il vudù bisogna aspettare la fine del mondo”, recita un proverbio diffuso nell’Africa occidentale.
Il filmato riporta il complesso rapporto tra il cristianesimo, presente da secoli in questa parte dell’Africa, e i riti ancestrali tradizionali le cui origini si perdono nel tempo.
Documenti di cerimonie vudù, accostati alle voci locali di artisti, studiosi o semplici testimoni insieme a quelle di missionari che conoscono a fondo il fenomeno e che da anni lo “condividono”, tessendo l’affascinante trama di questo contatto umano e culturale che per molti aspetti arricchisce le due esperienze religiose ma per molti altri le mette in contrasto tra loro.
Divinazione, trance, rapporto con gli spiriti di antenati, animali, piante, sirene del mare, rituali che spesso prevedono azioni violente verso il corpo dei partecipanti, perché il corpo è parte integrante dell’azione, come la parola e la musica; un mondo difficile da comprendere ma soprattutto da accettare per la mentalità occidentale.

(Regia: Massimiliano Troiani; Montaggio: Celeste Taliani e Paola Terracciano; Voci narranti: Giuliano Santi e Michela Cesaretti; Voci doppiaggio: Mario Podeschi, Giancarlo Palermo; Organizzazione Associazione: Segnavento; Produzione: Fondazione Nigrizia onlus)

      Proiezioni: Lunedì 22 gennaio 2018 dalle ore 21:00 alle ore 0:00
      Dal 22 gennaio 2018 alle 21:00 al 23 gennaio 2018 alle 0:00
Una pietra può tornire una pietra se la muove la mano dell'amore (H. von Hofmaansthal) - L'amore è la più saggia delle follie (W: Shakespeare) - Colui che è contento di se stesso, ama l'umanità (L: Pirandello) - Non si è perduto niente se ci resta l'amore (Parafrasando F: Voltaire) - Non c'è amore sprecato (M: de Servantes) - Ama e fa ciò che vuoi (Sant'Agostino) - Si vive solo il tempo in cui si ama (C.A. Helvetius)