#208 - 13 gennaio 2018
LA STRISCIA KOMIKA - Attenzione, per arrabbiarsi si mettono in moto 65 muscoli! per sorridere solo 16! Fai economia, sorridi!!! - E' chiaro che i tizi che stanno seduti al bar alle 11 del mattino sanno qualcosa su come ci si guadagna da vivere che noi non sappiamo - Ho bisogno di emozioni forti...vado a leggere il mio estratto conto - Beati i vegetariani... che non possono mangiarsi il fegato - L'unico uomo capace di tenere sveglia una donna tutta la notte, porta il pannolino - Come si chiama...quando tutto va bene? Alcool, si chiama alcool! - Oggi la mia vicina ha urlato così forte a suo figlio che dalla paura mi sono messo a sistemare la camera pure io - L'unica che ti aiuta veramente nel momento del bisogno è la carta igienica -
Cultura e Società

A 50 anni dalla morte di Don Lorenzo Milani

Una lettera da Barbiana

Cara Professoressa - Edizioni Conoscenza

Una lettera da BarbianaUna lettera da Barbiana

L’eco delle esperienze vissute in un piccolo paesino del Mugello non ha mai cessato di suscitare interesse, ma nell’anno appena trascorso, il 2017, in occasione del cinquantesimo dalla morte di Don Lorenzo Milani, il protagonista delle proposte innovative in campo educativo e pastorale dei giovani, si è intensificata ed ha pervaso ambienti scolastici, educativi, politici, ecclesiastici.

Una lettera da BarbianaUna lettera da Barbiana

La famosa “Lettera a una professoressa” del priore di Barbiana, è stata di nuovo al centro dell’interesse della comunicazione e dell’opinione pubblica e molte delle contestazioni di ieri si sono attenuate per lasciare posto a riflessioni pacate e ragionate sugli indirizzi che quella lettera veicolava.

Una lettera da BarbianaUna lettera da Barbiana

Non possiamo soffermarci su tutto l’arco degli interventi , ma non possiamo non occuparci di una iniziativa in proposito, poiché riteniamo calata al momento giusto nel posto giusto: le Edizioni Conoscenza hanno dedicato a Don Milani e alla sua esperienza educativa l’intera Conoscenda 2018, l’Agenda destinata agli insegnanti e agli studenti.

Una lettera da BarbianaUna lettera da Barbiana

Nell’introduzione, un parallelo tra il tempo di Barbiana e il tempo corrente è tracciato da Francesco Sinopoli, che sviluppa il suo punto di vista sull’ideale nonviolento dei primi anni ’60 punteggiati dal pensiero e dall’azione di personaggi ancora vissuti come esempi da larga parte degli intellettuali e dei giovani di oggi: Aldo Capitini, Norberto Bobbio, Giorgio La Pira, Ernesto Rossi e Italo Calvino… un cammino eroico di esperienze.

Una lettera da BarbianaUna lettera da Barbiana

C’è poi il capitolo dedicato alla culturaa e alla giustizia sociale, fino al concetto di scuola nella visione di Don Milani: un articolato e complesso sistema di pensieri e azioni – scrive ancora Sinopoli – che lo rendono un eroe moderno, tanto dal punto di vista teologico ed ecclesiastico, quanto dal punto di vista politico, ma soprattutto sul piano dell’elaborazione pedagogica.

Una lettera da BarbianaUna lettera da Barbiana

Anche Ermanno Detti si sofferma a lungo sulla figura di Don Milani, affrontando valori e significati dell’esperienza di Barbiana e gli effetti della “Lettera ad una professoressa” : Sono alcuni brani di quel libro a reintrodurci di nuovo dentro i problemi dell’epoca, i desideri e i sogni dei ragazzi, il rigore del priore e la benevolenza trasparente da ogni insegnamento. Ancora Detti scrive: …un’opera va giudicata nella sua organicità, nell’insieme delle proposte che emergono e soprattutto se fa pensare. Bene, in nome dell,organicità della “Lettera” e degli stimoli che essa offre al pensiero umano mi sento lontano da tutte le critiche, e di considerarla un capolavoro, un vero e proprio gioiello sotto vari punti di vista, non ultimo quello pedagagico.

Una lettera da BarbianaUna lettera da Barbiana

L’Agenda Conoscenda presenta per ogni mese note focali portatrici di istanze fondamentali presenti nella “Lettera ad una professoressa”, opportunamente trattate dal Detti.

Una pietra può tornire una pietra se la muove la mano dell'amore (H. von Hofmaansthal) - L'amore è la più saggia delle follie (W: Shakespeare) - Colui che è contento di se stesso, ama l'umanità (L: Pirandello) - Non si è perduto niente se ci resta l'amore (Parafrasando F: Voltaire) - Non c'è amore sprecato (M: de Servantes) - Ama e fa ciò che vuoi (Sant'Agostino) - Si vive solo il tempo in cui si ama (C.A. Helvetius)