#203 - 7 ottobre 2017
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascer il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Cultura e Società

Ospiti da tutto il mondo tra spettacolo e riflessione

Brescia

La missione diventa festa

La missione diventa festaLa missione diventa festa

Al via del primo Festival nazionale della missione, che si svolge a Brescia dal 12 al 15 ottobre.
Dei Festival ormai diffusi in tante città italiane quello di Brescia avrà l’orizzonte aperto, il clima festoso, la scelta di un tema chiave – la missione, appunto – declinato in una pluralità di linguaggi e di format: dalle conferenze agli incontri con autori, dai concerti alle mostre, dagli spettacoli di strada ai momenti di riflessione. Ma sarà un Festival nuovo, se è vero che sinora in Italia nessuno aveva pensato di puntare i riflettori sulla missione e sui suoi protagonisti: uomini e donne, religiosi e laici che, anche nel XXI secolo, decidono di lasciare tutto per annunciare il Vangelo in quelle che una volta si chiamavano «terre lontane» e che oggi includono, come insegna papa Francesco, le periferie accanto a casa nostra.

La missione diventa festaLa missione diventa festa

Il progetto è frutto della sinergia fra tre promotori: la Conferenza degli Istituti missionari italiani (Cimi), ovvero l’organismo che riunisce gli istituti missionari ad gentes (dai Comboniani ai padri del Pime, dalle suore della Consolata alle Saveriane, ecc.); la Conferenza episcopale italiana, attraverso la Fondazione Missio; la Diocesi di Brescia.

Suor Marta Pettenazzo, presidente della Cimi, spiega così le motivazioni che stanno alla base del Festival: «Riteniamo che il Festival possa essere, oggi, uno strumento privilegiato per condividere il dono del Vangelo, che non può essere proclamato solo all’interno delle nostre chiese e comunità».
Sulla stessa linea don Michele Autuoro, direttore di Missio, che richiama il concetto di «Chiesa in uscita», caro a papa Bergoglio: «Andiamo in città e nelle piazze perché la Chiesa non dimentichi che è nata in uscita e solo in uscita sarà fedele al suo Maestro».
Mons. Luciano Monari, vescovo di Brescia, a proposito della scelta della Leonessa come sede, ricorda che «la passione per l’annuncio del Regno di Dio ha animato la vita del Beato Paolo VI, di San Daniele Comboni, della Beata Irene Stefani e di tanti figli e figlie di questa terra».
«Il Festival – aggiunge il direttore artistico, il giornalista e scrittore Gerolamo Fazzini – vuole essere anche l’occasione per mettere in circolazione quanto è già stato realizzato in questi anni nel mondo missionario italiano, un mondo che vive indubbiamente una fase di difficoltà e di cambiamento ma che è ancora capace di esprimere numerose “eccellenze” in ambito culturale, nelle attività di animazione, nell’editoria, nel rapporto con i giovani».

La missione diventa festaLa missione diventa festa

Dopo alcuni appuntamenti pre-Festival (ad esempio una rassegna cinematografica), si parte la sera di giovedì 12 ottobre con testimonianze missionarie che si terranno in una ventina di parrocchie di Brescia e hinterland nonché, scelta significativa, in alcuni monasteri di clausura.
La giornata di venerdì 13 ottobre, aperta da una preghiera ecumenica guidata dalla pastora battista Paola Maffei, è pensata in particolare per missionari e delegati dei Cmd, con tre tavole rotonde sul presente e il futuro della missione ad gentes, sul protagonismo delle donne nell’evangelizzazione e sull’attualità della figura di Matteo Ricci: tra i relatori, il card. Fernando Filoni, prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, mons. Claudio Giuliodori, assistente ecclesiastico generale dell’Università Cattolica di Milano, padre Federico Lombardi, già portavoce di papa Benedetto XVI e di papa Francesco; Lucetta Scaraffia, storica, giornalista e scrittrice; suor Angela Bertelli, missionaria saveriana in Sierra Leone e poi in Thailandia. Ma nello stesso giorno ci saranno anche eventi per i giovani pensati in collaborazione con l’Università Cattolica e le scuole, tra cui una rappresentazione teatrale sulla bresciana Irene Stefani e un incontro su Oscar Romero replicato in varie scuole.

La missione diventa festaLa missione diventa festa

Nella sera di venerdì, poi, il Festival entra nel vivo con un grande evento, in via di definizione, che vede la partecipazione del cardinale Luis Antonio Tagle, arcivescovo di Manila e presidente di Caritas Internationalis, e di nomi noti del mondo dello spettacolo.
Il sabato, 14 ottobre, è aperto anch’esso da una preghiera ecumenica e ha tra i momenti più significativi la consegna del tradizionale Premio Cuore Amico da parte del cardinale Ernest Simoni, albanese, unico sacerdote sopravvissuto alla persecuzione comunista.
Accanto a spettacoli teatrali, esibizioni corali, mostre fotografiche, sarà possibile incontrare noti scrittori missionari: tra loro, suor Rosemary Nyirumbe, ugandese nominata «eroe dell’anno» dalla Cnn, autrice di «Cucire la speranza» (Emi), Blessing Okoedion, nigeriana ex vittima della tratta, autrice de «Il coraggio della libertà» (Paoline), padre Alejandro Solalinde, che in Messico lotta per i diritti dei migranti, autore di «I narcos mi vogliono morto» (Emi).
E poi, nelle piazze del centro, una proposta originale: l’aperitivo con il missionario, un modo diverso di iniziare il sabato sera. A chiudere la giornata un concerto con un’importante christian rock band italiana e la «notte bianca della missione», con preghiere e testimonianze missionarie.

La missione diventa festaLa missione diventa festaLa missione diventa festa

Domenica, 15 ottobre, dopo la Messa in Duomo, fra le varie proposte, un concerto del Coro Elikya, multietnico e interreligioso, attività di animazione nelle piazze del centro, una tavola rotonda su informazione e missione (con importanti nomi del panorama mediatico), un incontro sul rapporto tra economia e dottrina sociale della Chiesa con la partecipazione di Gael Giraud, gesuita ed economista, e di un nome di spicco dell’imprenditoria italiana) e un sorprendente concerto finale.
Il tutto mentre, per l’intera durata del Festival, sarà attivo lo Youth Village, con proposte ad hoc per i giovani, e in una chiesa del centro di Brescia – altra particolarità – si terrà l’adorazione eucaristica permanente, a indicare il primato di Dio che rende possibile la missione contro tutte le difficoltà.

Info: www.festivaldellamissione.it
AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.