#192 - 6 maggio 2017
LA STRISCIA KOMIKA - Attenzione, per arrabbiarsi si mettono in moto 65 muscoli! per sorridere solo 16! Fai economia, sorridi!!! - E' chiaro che i tizi che stanno seduti al bar alle 11 del mattino sanno qualcosa su come ci si guadagna da vivere che noi non sappiamo - Ho bisogno di emozioni forti...vado a leggere il mio estratto conto - Beati i vegetariani... che non possono mangiarsi il fegato - L'unico uomo capace di tenere sveglia una donna tutta la notte, porta il pannolino - Come si chiama...quando tutto va bene? Alcool, si chiama alcool! - Oggi la mia vicina ha urlato così forte a suo figlio che dalla paura mi sono messo a sistemare la camera pure io - L'unica che ti aiuta veramente nel momento del bisogno è la carta igienica -
Cinema

Una iniziativa della Fondazione Cineteca Italiana

Museo Interattivo del Cinema - MIlano

Il cinema di Salvatores

di Federica Fasciolo

Dal 19 maggio al 4 giugno presso il MIC - Museo Interattivo del Cinema a Milano, la Fondazione Cineteca Italiana presenta Gabriele Salvatores in 35 , una panoramica sulla cinematografia di Gabriele Salvatores, dalla fine degli anni ’80 ad oggi, per ripercorrere la grandiosa carriera del regista di Mediterraneo, Oscar come Miglior Film Straniero nel 1991, attraverso i suoi più bei film, proiettati esclusivamente in pellicola 35mm.

Il cinema di Salvatores

Una tappa importante nella sua filmografia che apre la rassegna venerdì 19 maggio con Io non ho paura (2003), un ottimo adattamento del romanzo di Niccolò Ammaniti che rivela dietro l’apparente semplicità dei fatti, uno sguardo acuto su temi come il rapporto tra bambini e adulti, i riti di passaggio da un’età all’altra e la perdita dell’innocenza; il programma prosegue con Marrakech Express (1989), un film dedicato all'amicizia pieno di spunti interessanti; candidato al Nastro d'argento 2006 per sceneggiatura, fotografia, colonna sonora, sonoro in presa diretta è Quo vadis, baby? che vede un Salvatores insolito, ma mai banale; Come dio comanda (2008), una sceneggiatura a sei mani, la fotografia di Italo Petriccione e un cast brillante tutto italiano; una sorta di viaggio nel tempo dove fantasia e realtà si confondono è Denti (2000), film sperimentale in concorso alla 57. Mostra del cinema di Venezia; Kamikazen – Ultima notte a Milano (1987); Educazione siberiana (2013), ci porta nel Sud della Russia, dando forma ad un mondo poco conosciuto; Mediterraneo (1991) è un film ricco di premi come l’Oscar 1992 per il miglior film straniero che, dopo anni, riesce ad essere ancora molto attuale e dedicato a "tutti quelli che fuggono". Il divertente e intelligente Amnèsia (2002) girato con maestria e candidato ai Nastri d'argento 2002 per il miglior soggetto; un altro film narratore della generazione quarantenne in fuga è Sud (1993) girato a Marzamemi; Happy Family (2010), tratto dall’omonima commedia di Alessandro Genovesi e che rivede il duetto Abatantuono-Bentivoglio ancora insieme e, a concludere, Turné (1990) tutto girato in sequenza diretta ed in presa sonora, che conquista il David di Donatello 1990 per migliore produzione e migliore montaggio.

19 maggio Io non ho paura - La vita di Michele, 10 anni, è sconvolta quando trova un bambino segregato al buio, in una buca tra i campi.

Il cinema di Salvatores

21 maggio
Marrakech Express - Quattro amici partono alla volta del Marocco per pagare la cauzione di un vecchio amico, arrestato per possesso di droga.

23 maggio
Quo vadis, baby? - Il passato di Giorgia, investigatrice privata di 39 anni, torna con angoscia quando un amico le recapita alcune vecchie lettere della sorella, morta suicida sedici anni prima.

Il cinema di Salvatores

24 maggio
Come dio comanda - Il disoccupato Rino cresce solo il figlio Cristiano non senza difficoltà. Nel frattempo l’amico Quattro Formaggi precipita in un baratro di follia e criminalità.

25 maggio
Kamikazen – Ultima notte a Milano - Truffati dal loro manager, sei comici dilettanti pagano 100.000 ciascuno per esibirsi in uno squallido locale.

26 maggio
Denti - Ossessionato dai suoi ingombranti incisivi, Antonio passa da un dentista all’altro mentre in lui affiorano i ricordi d’infanzia.

Il cinema di Salvatores

27 maggio
Educazione siberiana - L’amicizia di Kolima e Gagarin, giovani siberiani, è messa a dura prova dalle ferree imposizioni sociali e familiari che gravano su di loro.

Il cinema di Salvatores

28 maggio
Mediterraneo - Nel 1941, un manipolo di soldati italiani sbarca su un’isola greca incaricati di presidiarla. L’isola però è semideserta e i soldati non sono molto avvezzi alla vita militare.

30 maggio
Amnèsia - A Ibiza si intrecciano le vite del regista a luci rosse Sandro, del centauro e proprietario di un chiosco sulla spiaggia Angelino e del commissario di polizia dell’isola.

2 giugno
Sud - Quattro disoccupati occupano il seggio elettorale di una cittadine del sud, non sanno però che tra gli ostaggi c’è la figlia del boss della zona.

Il cinema di Salvatores

3 giugno
Happy Family - I destini di due famiglie si incrociano a causa dei figli quindicenni caparbiamente decisi a sposarsi.

4 giugno
Turné - Gli amici e attori teatrali Dario e Federico partono insieme in turné. Federico però non sa che è Dario l’uomo per il quale la fidanzata l’ha lasciato.

info@cinetecamilano.it   Margherita Giusti Hazon ufficiostampa@cinetecamilano.it
Una pietra può tornire una pietra se la muove la mano dell'amore (H. von Hofmaansthal) - L'amore è la più saggia delle follie (W: Shakespeare) - Colui che è contento di se stesso, ama l'umanità (L: Pirandello) - Non si è perduto niente se ci resta l'amore (Parafrasando F: Voltaire) - Non c'è amore sprecato (M: de Servantes) - Ama e fa ciò che vuoi (Sant'Agostino) - Si vive solo il tempo in cui si ama (C.A. Helvetius)