#191 - 29 aprile 2017
AAAAAttenzione - Care amiche e cari amici lettori, dopo alcune difficoltà tecniche e qualche scontro con l'influenza, eccoci di nuovo con il primo numero del 2018 del giornale. Dunque, innanzi tutto un BUON ANNO a tutti, che sia veicolo di felicità, serenità, salute. Invitiamo tutti a seguirci e da parte nostra cercheremo di essere puntuali nelle uscite e capaci di proporvi notizie di vostro gradimento. grazie.
Cinema

Iniziativa della Fondazione Cineteca Italiana

Museo Interattivo del Cinema - 6 maggio / 4 giugno - Milano

Omaggio a John Huston

a 30 anni dalla scomparsa

di Federica Fasciolo

Il MIC - Museo Interattivo del Cinema - Fondazione Cineteca Italiana presenta John Huston, un omaggio, a 30 anni dalla scomparsa, del grande maestro del cinema hollywoodiano.

Regista, attore, sceneggiatore, intellettuale dalla personalità errabonda e avventurosa, le cui opere sono caratterizzate da un vigoroso senso dell'avventura, dal coraggio della sfida e della sconfitta e dalla lotta per ciò in cui si crede.

Nel corso della sua carriera Huston si cimenta in tutti i generi cinematografici, plasmandoli e modificandoli a suo piacimento: dal noir al western, passando per la commedia e il kolossal.

Diciassette i film proposti nella rassegna, fra cui il suo esordio alla regia, nonchè film che inaugurò la grande stagione del noir americano, Il mistero del falco (1941), dove Humphrey Bogart interpreta un detective cinico, ma dal cuore tenero; La regina d’Africa (1951), dove Katharine Hepburn affianca Bogart in una storia d’amore di ambientazione africana; Moulin Rouge (1952), con Josè Ferrar nel ruolo di Henri Toulouse-Lautrec e Christopher Lee nel ruolo di Georges Seurat, opera che ottenne due Premi Oscar, per costumi e scenografia; il capolavoro Gli spostati (1960) che riunisce Marilyn Monroe, Clark Gable e Montgomery Clift; il musical Annie (1982); la trasposizione di uno dei più bei racconti di James Joyce, The Dead – Gente di Dublino (1987), che Huston gira a pochi mesi dalla sua morte e tante altre opere imperdibili.

6 maggio
Gli spostati Divorziata e disillusa, Roselyn Tabor si unisce a un gruppo di “spostati: un cow-boy, un meccanico e un allevatore che vanno a caccia di cavalli selvaggi. Roselyn instaura con ognuno un rapporto diverso, provando per la prima volta il gusto della libertà.

Omaggio a John Huston

7 maggio
Annie
L’orfanella Annie tenta di farsi adottare da un anziano miliardario contro il volere della burbera direttrice dell’orfanotrofio.

I cinque volti dell’assassino
L’agente dell’Intelligence Anthony Gethryn è convinto da un amico a indagare su una strana serie di morti accidentali.

Il tesoro della sierra madre
Tre avventurieri partono per il Messico alla ricerca di un filone d'oro. Quando lo trovano, però, a causa della loro avidità, perderanno tutto.

9 maggio
L’anima e la carne
Durante la guerra un soldato americano in fuga dal Giappone approda su un’isola del Pacifico abitata solo da una suora.

10 maggio
Giungla d’asfalto La cronaca di un colpo a una gioielleria scientificamente preparato e perfettamente realizzato. Ma al momento della spartizione del bottino cominciano i problemi.

Omaggio a John Huston

11 maggio
L’onore dei Prizzi
Braccio destro di un boss mafioso, Charley, è costretto a scegliere tra l’amore e la lealtà alla famiglia che lo protegge.

Omaggio a John Huston

12 maggio
La regina d’Africa 1914: una missionaria inglese, con l’aiuto di un burbero marinaio, combatte i tedeschi nella giunga africana.

Chinatown
Ingaggiato da una moglie gelosa per quella che sembra una banale storia di tradimento, l’investigatore privato Gittes si rende conto ben presto che la situazione nella quale si è infilato è ben più pericolosa.

13 maggio
Moby Dick la balena bianca
Il folle viaggio del capitano Achab all’inseguimento della balena bianca, invincibile leviatano degli abissi e incarnazione della potenza divina.

14 maggio
Moulin Rouge La Parigi della Belle époque, con le sue notti sfrenate nei locali più famosi del mondo, sulle tracce della vita di Henry de Toulouse Lautrec, genio della pittura condannato alla deformità fisica. Premio Oscar a costumi e scenografie.

16 maggio
Gli inesorabili
Una tribù Indiana reclama la paternità di una giovane ragazza allevata da una famiglia americana, scatenando una guerra tra i due popoli.

19 maggio
The Dead – Gente di Dublino
I coniugi Gabriel e Gretta Conroy partecipano ad una festa natalizia: una canzone suonata al pianoforte suscita antichi ricordi.

20 maggio
The Battle of San Pietro
Crudo documentario sulla violenta distruzione di un paese del Sud Italia durante la seconda Guerra mondiale.

Omaggio a John Huston

21 maggio
Il mistero del falco
Un detective privato è alla ricerca degli assassini del suo socio. L'uomo rimane implicato nella misteriosa scomparsa di una preziosa statuetta raffigurante un falco.

24 maggio
Freud - Passioni segrete
Immerso nei suoi studi sull’isteria, Sigmund Freud cura le nevrosi di una giovane paziente con l’ipnosi.

26 maggio
La notte dell’iguana Un ex pastore, ora guida turistica, esplora il Messico con un gruppo di turiste. Presto si trova conteso tra diverse donne rischiando un crollo nervoso.

Omaggio a John Huston

2 giugno
L’isola di corallo
Un reduce americano fa visita alla vedova di un compagno d’armi in Florida. Qui scoprirà i traffici illegali di una banda di contrabbandieri che minacciano la donna.

Omaggio a John Huston

4 giugno
The Dead – Gente di Dublino

       info@cinetecamilano.it    ufficiostampa@cinetecamilano.it
Dagli scritti di Don Lorenzo Milani Priore di Barbiana tratte dall'Agenda Conoscenda 2018 (Leggere anche Articolo "Una lettera da Barbiana" - Io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati da un lato, privilegiati e oppressori dall'altro. Gli uni sono la mia Patria, gli altri i miei stranieri - Il mondo ingiusto l'hanno da raddrizzare i poveri e lo raddrizzeranno solo quando l'avranno giudicato e condannato com mente aperta e sveglia come la può avere solo un povero che è stato a scuola - Non posso dire ai miei ragazzi che l'unico modo d'amare la legge è l'obbedienza.Posso solo dir loro che essi dovranno tenere in tale onore le leggi degli uomini da osservare quando sono giuste... - La coerenza è un altissimo privilegio dell'uomo, ma a patto che l'uomo abbia quel minimo di cultura senza del quale Uomo non è -