#188 - 25 marzo 2017
AAAAAttenzione - Care amiche e cari amici lettori, dopo alcune difficoltà tecniche e qualche scontro con l'influenza, eccoci di nuovo con il primo numero del 2018 del giornale. Dunque, innanzi tutto un BUON ANNO a tutti, che sia veicolo di felicità, serenità, salute. Invitiamo tutti a seguirci e da parte nostra cercheremo di essere puntuali nelle uscite e capaci di proporvi notizie di vostro gradimento. grazie.
Editoriale

Superbia

di Dante Fasciolo

Quando i Bersaglieri al soldo dei Piemontesi
irruppero con forza a Porta Pia,
in Vaticano solerti cardinali
corsero ad avvertire Papa Pio IX.
Si narra che impauriti dissero:
“Santità lo Stato degli italiani
invaderà lo Stato Pontificio!”
al che il Papa illuminato rispose:
“Tranquilli, sarà lo Stato Pontificio
ad invadere lo Stato Italiani.

Corsi e ricorsi storici.
Anche oggi c’è chi nell’imminente ultimo attacco
alla conquista del potere centrale
grida ai governanti di Roma
“arrendetevi siete circondati”,
ignorando la bandiera bianca,
alzata per la resa dai più politicanti.
E anche oggi, c’è un arrabbiato Nino Bixio,
che ignora, come allora, le bandiere bianche di Porta Pia,
e continua a bombardare per distruggere.

Nel 1870 vinsero i Piemontesi,
ma portarono - (strano tragitto) -
la Capitale d’Italia da Firenze a Roma,
e piano piano, fino ai giorni nostri,
cominciarono presto a confondersi con la burocrazia
sia quella Papalina sia la nuova suggerita dal popolo.

Corsi e ricorsi storici:
chissà se la rabbiosa superbia accerchiatrice
non finisca alla fine del gioco
a rimanere accerchiata, abbracciata ed inghiottita,
e sarà allora necessario - (ironia della sorte) -
chiamare a Roma qualcuno da Firenze!

Dagli scritti di Don Lorenzo Milani Priore di Barbiana tratte dall'Agenda Conoscenda 2018 (Leggere anche Articolo "Una lettera da Barbiana" - Io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati da un lato, privilegiati e oppressori dall'altro. Gli uni sono la mia Patria, gli altri i miei stranieri - Il mondo ingiusto l'hanno da raddrizzare i poveri e lo raddrizzeranno solo quando l'avranno giudicato e condannato com mente aperta e sveglia come la può avere solo un povero che è stato a scuola - Non posso dire ai miei ragazzi che l'unico modo d'amare la legge è l'obbedienza.Posso solo dir loro che essi dovranno tenere in tale onore le leggi degli uomini da osservare quando sono giuste... - La coerenza è un altissimo privilegio dell'uomo, ma a patto che l'uomo abbia quel minimo di cultura senza del quale Uomo non è -