#187 - 18 marzo 2017
AAAAAttenzione - Care amiche e cari amici lettori, dopo alcune difficoltà tecniche e qualche scontro con l'influenza, eccoci di nuovo con il primo numero del 2018 del giornale. Dunque, innanzi tutto un BUON ANNO a tutti, che sia veicolo di felicità, serenità, salute. Invitiamo tutti a seguirci e da parte nostra cercheremo di essere puntuali nelle uscite e capaci di proporvi notizie di vostro gradimento. grazie.
Cinema

Museo del Cinema - Torino

Da Rosi ai capolavori del muto

Collaborazione The Cinema Museum, Londra.

di Federica Fasciolo

Sempre intensa la programmazione cinematrografica del Museo del Cinema di Torino.

19 marzo
Il drago invisibile ( Pete's Dragon) - di David Lowery. Per anni il signor Meacham, un vecchio intagliatore di legno, ha affascinato i bambini della sua città raccontando le storie di un feroce drago che si nasconde nelle foreste del Pacific Northwest. Per sua figlia Grace, guardia forestale, queste storie non sono altro che leggende... finché non incontra Pete, misterioso bambino di dieci anni, che dice di vivere nella foresta con il drago verde Elliott.

Da Rosi ai capolavori del mutoDa Rosi ai capolavori del muto

20 marzo
La tregua - di Francesco Rosi.
A partire dal romanzo di Primo Levi, Francesco Rosi descrive l’odissea del ritorno di un gruppo di italiani scampati ad Auschwitz. Spinti dal desiderio di rientrare presso le loro case, attraversano in dieci mesi Polonia, Unione Sovietica, Romania, Ungheria, Cecoslovacchia e Austria. Un percorso estenuante, durante il quale il protagonista – Primo Levi – si confronta con un’umanità varia e piegata dalla tragedia della Storia.

Da Rosi ai capolavori del mutoDa Rosi ai capolavori del muto

Moon - di Duncan Jones.
Dopo tre anni di lavoro per la Lunar, Sam Bellsta termina il suo mandato su Selene, una base lunare dove vive in solitudine, occupandosi dell'estrazione di Helium 3, gas capace di risolvere il problema energetico sulla Terra. Ma due settimane prima della sua partenza da Selene, Sam inizia a vedere e sentire cose strane.

Da Rosi ai capolavori del mutoDa Rosi ai capolavori del muto

22 marzo
I Am Not Your Negro - di Raoul Peck
Basato sul manoscritto incompiuto di James Baldwin Remember This House, il film esplora la storia del razzismo negli Stati Uniti attraverso i ricordi dello stesso Baldwin dei tre leader del Movimento per i Diritti Civili, che furono anche suoi buoni amici: Medgar Evers, Malcolm X e Martin Luther King, Jr. Baldwin e Peck hanno prodotto un'opera che sfida la definizione stessa di ciò che l'America rappresenta.

Il fuoco - The Cinema Museum, Londra.
Sonorizzazione dal vivo
Il capolavoro muto del 1915 di Giovanni Pastrone verrà proposto con una sonorizzazione dal vivo al Kennington Bioscope del Cinema Museum di Londra, nella copia 35mm conservata dalla Cineteca del Museo Nazionale del Cinema di Torino. La pellicola, che fu prodotta dalla Itala Film e lanciò Pina Menichelli, qui al fianco di Febo Mari, è stata oggetto di restauro nel 1991.

23 marzo
V.O. – Arrival - di Denis Villeneuve .
Il grande cinema in lingua originale
Quando 12 misteriosi oggetti provenienti dallo spazio atterrano sul nostro pianeta, per le necessarie investigazioni viene formata una squadra di esperti di comunicazione, capitanata dalla linguista Louise Banks. Sarà lei a decifrare il loro linguaggio.

Da Rosi ai capolavori del mutoDa Rosi ai capolavori del mutoDa Rosi ai capolavori del muto

Dagli scritti di Don Lorenzo Milani Priore di Barbiana tratte dall'Agenda Conoscenda 2018 (Leggere anche Articolo "Una lettera da Barbiana" - Io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati da un lato, privilegiati e oppressori dall'altro. Gli uni sono la mia Patria, gli altri i miei stranieri - Il mondo ingiusto l'hanno da raddrizzare i poveri e lo raddrizzeranno solo quando l'avranno giudicato e condannato com mente aperta e sveglia come la può avere solo un povero che è stato a scuola - Non posso dire ai miei ragazzi che l'unico modo d'amare la legge è l'obbedienza.Posso solo dir loro che essi dovranno tenere in tale onore le leggi degli uomini da osservare quando sono giuste... - La coerenza è un altissimo privilegio dell'uomo, ma a patto che l'uomo abbia quel minimo di cultura senza del quale Uomo non è -