#179 - 14 gennaio 2017
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 26 ottobre, quando lascerà il posto al numero 229. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di proverbi romaneschi: -Li mejo bocconi sò der coco - Fà del bene all'asini che ce ricevi i carci in panza - Ci va a dormi col culo che je rode, se sveja cor dito che je puzza - A l'omo de poco faje accenne er foco - Più la capoccia è vòta , più la lingua s'allunga - Acqua passatas non macina più - Daje eddaje pure li piccioni se fanno quaie - Li sordi so' come li dolori, chi cellà se li tiene - Fidate del ricco impoverito, non te fidà del povero arricchito ---
Cinema

Una iniziativa della Fondazione Cineteca Italiana

Spazio Oberdan - Milano

Cineteca 70 - Prima rassegna

Dal 15 al 30 gennaio 2017

di Federica Fasciolo

Presso Spazio Oberdan Milano avrà luogo per tutto il 2017 la rassegna filmica Cineteca 70: 70 film della storia del cinema, di epoche diverse, in più sezioni tematiche, tutti provenienti dall’archivio della Cineteca, tutti proiettati in copie in pellicola 35mm, secondo una consuetudine che è propria anche del prestigioso Department of Film del MoMA di New York: per ricordare, nell’era del digitale, che una library di film come quella della Cineteca di Milano si è formata grazie alla paziente e sistematica raccolta, nel corso degli anni, di ‘pizze’ 35 e 16mm.

Cineteca 70 - Prima rassegnaCineteca 70 - Prima rassegna

15 / 30 gennaio
Lettera da una sconosciuta di Max Ophuls.
Attraverso una lettera, Lisa riversa su Stefan, il musicista che dopo un’unica notte d’amore lei ha continuato ad amare in silenzio per tutta la vita, i suoi ricordi, le sue fantasie, le sue ossessioni, in una parola tutto il suo passato.

Cineteca 70 - Prima rassegnaCineteca 70 - Prima rassegna

16 gennaio
L’uomo del banco dei pegni di Sydney Lumet.
Sopravvissuto allo sterminio della famiglia ed alle persecuzioni dei nazisti subite nei campi di concentramento, Sol Nazerman vive in America gestendo un banco dei pegni nel quartiere di Harlem. Il banco è di proprietà di un certo Rodriguez, che se ne serve per copertura di un vasto giro d'interessi poco puliti. Completamente distrutto dai dolorosi ricordi, Nazerman vive chiuso in se stesso e dimostra la sua amarezza rifiutando ogni amicizia e taglieggiando con freddezza tutti coloro che si rivolgono a lui per impegnare qualcosa. Solo Jesus, il commesso portoricano che lavora al suo fianco, sembra fare una leggera breccia nel suo animo indurito dal dolore.

Cineteca 70 - Prima rassegna

17 / 21 gennaio
Giulietta degli spiriti di **Federico Fellini.***
Giulietta, signora dell’alta borghesia sposata con Giorgio, fa la scultrice e coltiva interessi metafisici e religiosi. Un giorno, organizza una festa nella sua villa di Fregene, nel corso della quale si svolge una seduta spiritica che fa riapparire in lei antichi fantasmi legati alla sua rigida educazione cattolica.

Cineteca 70 - Prima rassegnaCineteca 70 - Prima rassegna

18 gennaio
Il sorriso del grande tentatore di Damiano Damiani. Lo scrittore Roberto è stato inviato da monsignor Badenski in un convento per scrivere un libro sul rapporto tra Chiesa e nazismo. Roberto si rende però conto di essere arrivato in un luogo strano: infatti gli ospiti dell’istituto hanno personalità particolari e per questo motivo sono stati qui confinati dal Vaticano. Padre Moraldi è un prete operaio che ha partecipato agli scioperi, monsignor Marcos ha appoggiato Fidel Castro, mentre lo stesso monsignor Badenski è accusato di aver parteggiato per i nazisti…

Cineteca 70 - Prima rassegna

22 / 27 gennaio
L’amico di famiglia di Paolo Sorrentino.
Geremia, vecchio usuraio di una cittadina dell'Agro Pontino, è sgradevole di aspetto e di carattere, ha un rapporto pessimo con chiunque, ma si sente buono e socialmente utile perché è convinto di salvare le famiglie alle quali presta denaro. Finché un giorno accetta di "aiutare" una coppia che deve organizzare il matrimonio della figlia, e da quel momento la sua vita avrà una svolta inattesa.

Cineteca 70 - Prima rassegnaCineteca 70 - Prima rassegna

23 / 26 gennaio
Mouchette - Tutta la vita in una notte di Robert Bresson, dal romanzo Nuova storia di Mouchette di Georges Bernanos.
La storia di Mouchette, adolescente di famiglia assai povera, che il padre regolarmente maltratta. La sua drammatica condizione precipita quando viene violentata da un cacciatore di frodo e, poco dopo, sua madre muore. Vittima anche delle malelingue del paese in cui vive, Mouchette decide di porre fine alla sua travagliata esistenza abbandonandosi alle acque del fiume.

Cineteca 70 - Prima rassegna

25 gennaio
I giorni dell’ira di Tonino Valerii.
A Clifton, Arizona, il giovane Scott, netturbino del paese, è da tempo in attesa di un'occasione che gli consenta di abbandonare il suo umile lavoro e dimostrare ai concittadini il suo reale valore. L'occasione gli si presenta il giorno in cui giunge a Clifton uno straniero di nome Talby, che accetta di prendere il giovane con sé per insegnargli a diventare un pistolero. In breve Scott diventa più bravo del suo maestro e Talby decide di inserire il ragazzo nella banda della quale è il capo. Tuttavia, quando lo sceriffo Murph, legato a Scott da profonda amicizia, viene brutalmente ucciso da Talby, il giovane non esita a schierarsi dalla parte della legge.

Cineteca 70 - Prima rassegnaCineteca 70 - Prima rassegna

29 gennaio
Sette note in nero di Lucio Fulci. Sc.: Virginia, da soli tre mesi sposata al toscano Francesco Ducci, sin da piccola aveva dimostrato doti istintive di chiaroveggenza percependo il suicidio della mamma a Dover mentre lei si trovava in collegio a Firenze. Ora, mentre ritorna in macchina dall'aeroporto ove ha salutato il marito in viaggio di lavoro verso Londra, intravvede con molti particolari un delitto che sarebbe accaduto nella villa di campagna del Ducci. Fatte delle ricerche, Virginia scopre il cadavere nascosto in un muro di certa Agnese Bignardi, uccisa nel 1972. La polizia incrimina Francesco, già amante della ragazza scomparsa, e lo arresta. Virginia, ripensando ai particolari della visione avuta, trova nuovi elementi che permettono la scarcerazione del marito. Ma le cose sono molto diverse e ben più terribili di quanto lei immagina.

               Cristiana Ferrari     ufficiostampa@cinetecamilano.it
ANIMALIA - Se raccogliete un cane affamato e lo nutrite non vi morderà: Ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) - Chi ha creato i gatti si poteva permettere di sbagliare tutto il resto (M. Migliaccio) - I gatti sono tutti quanti liberi professionisti (Sy Fisher) - Quando un uomo uccide una tigre, lo chiamano sport, quando viene ucciso dalla tigre la chiama ferocia (G.B.Shaw) - Coloro che uccidono gli animali per mangiarne le carni saranno più inclini dei vegetariani a massacrare i propri simili (Pitagora) - Ciò che distingue il genere umano dal regno animale è che in quest'ultimo è sconosciuta la malvagità fine a se stessa (A. Morandotti) - Dobbiamo svuotare le gsbbkie, non renderle più grandi (T. Regan) - L'intelligenza è negata agli animali solo da coloro che ne possiedono assai poca (A. Shopenhauer) -----