#168 - 26 settembre 2016
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rester in rete fino alla mezzanotte del giorno 27 gennaio quando lascer il posto al numero 300. ORA per VOI un po' di SATIRA - Finch ti morde un lupo, pazienza; quel che secca quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Arte

Accademia Nazionale di San Luca - Roma

Vasco Bendini

Poetica preformale

di Luigi Capano

In un assolato pomeriggio di fine estate, volgendo le spalle all’equorea fontana del Bernini, ci incamminiamo con placida lentezza per la via del Tritone, ancora silenziosamente avvolta in un metafisico sopore estivo.
Il passo vagamente dinoccolato – ma l’umidità, si sa, non è amica delle giunture - pieghiamo a sinistra per l‘agile via della Stamperia: ed eccoci d’improvviso al cospetto del tardo-cinquecentesco Palazzo Carpegna (che reca, tra i tanti apporti, anche l’impronta del genio borrominiano), da molti lustri sede della prestigiosa Accademia Nazionale di San Luca (Piazza dell’Accademia di San Luca 77, Roma).

Vasco BendiniVasco Bendini

E’ possibile cogliere a tratti, nella fluttuante quiete settembrina, il vispo fruscìo dell’adiacente Fontana di Trevi. Ad attenderci, nelle sale del piano terra, una quarantina di opere dell’accademico Vasco Bendini (Bologna 1922- Roma 2015), realizzate nell’ultimo decennio di attività.
Della sua lunga biografia sappiamo che furono Virgilio Guidi e Giorgio Morandi i suoi maestri all’Accademia di Belle Arti di Bologna. E poi il sodalizio con Francesco Arcangeli, all’epoca visionario di un nuovo, empatico naturalismo; la lettura sofferta e illuminante di Huizinga; l’interesse per Sironi; la scoperta del tachisme tramite le opere – in particolare - di Wols e di Fautrier, la tentazione new dada; il rinato interesse per l’arte oggettuale nella metà degli anni ’60; la proficua frequentazione di Maurizio Calvesi; la sempre maggiore prossimità alla sensibilità informale: queste, per sommi capi, le tappe genetiche formative dell’artista.

Vasco BendiniVasco Bendini

Certo, davanti a queste visioni – perché tali ci appaiono i quadri che abbiamo di fronte - quei rimandi culturali ci sembrano molto lontani.
L’artista ha trovato la propria strada e ne ha percorso un lungo tratto – ci sembra di intuire – in ascetica solitudine. Una strada che lo ha condotto alle soglie di un universo preformale dove la materia è un flusso vitale che la luce accarezza e percuote: quel luogo intimamente distante, a tratti intravisto dai mistici e dai folli, dove un ignoto e imperscrutabile custode ha riposto i semi delle cose che appaiono e dispaiono al nostro sguardo, continuamente desiderosi di inverarsi.

Vasco BendiniVasco Bendini

E’ lo stesso Bendini a suggerire le linee di un percorso iniziatico attivato da un ineffabile stato di grazia e predisposto dalla sospensione della volontà di fronte al processo pittorico, come “momento eccezionale dell’operare” (catalogo della personale L’immagine accolta, Roma 2006).
La mostra – Bendini Ultimo (2000-2013) - realizzata in collaborazione con l’Archivio Bendini di Roma, è visitabile fino al 1 ottobre.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.