#155 - 18 aprile 2016
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1° lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo č cosě alto da giustificare metodi cosě indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il piů piccolo degli animali č una delle piů nobili virtů che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerŕ  a massacrare gli animali non conoscerŕ  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo č il piů crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si č capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Arte

Dal 20 aprile al 21 maggio

Centro San Fedele - Milano

Sotto un altro cielo

mostra a cura di Andrea Dall'Asta e Matteo Galbiati

Per la prima volta la Galleria San Fedele presenta una mostra collettiva in cui quattro artiste riflettono sul significato del sacro: Gabriella Benedini, Sonia Costantini, Elena Modorati e Fasta Squatriti avviano un dialogo e un confronto di esperienze, storie, ricerche e riflessioni.

La grande installazione di Gabriella Benedini dal titolo Pesca miracolosa, attraverso una barca circondata da una serie di pannelli che rappresentano un cielo cupo e inquietante, evoca una pluralità di elementi simbolici: la barca, se da un lato è infatti il luogo biblico in cui i pesci sono accolti dagli apostoli grazie alla parola di Gesù, dopo una notte infruttuosa, dall’altro lato allude a tutte quelle imbarcazioni che oggi trasportano migliaia di migranti in cerca di salvezza.

Sotto un altro cielo

Una scrittura monocroma trasforma le superfici dipinte da Sonia Costantini in vibrazioni cromatiche dove la luce interviene modificando e alterando la fisicità dell’opera e il suo legame con lo spazio. Ogni dipinto, composto di numerose velature che creano una luminosità inafferrabile e misteriosa, si propone come luogo di profondità infinita che ci immerge in attimi di sospensione dove storia, visione e apparizione superano la soglia del reale e si aprono a dimensioni inattese.

Nelle sue opere Elena Modorati rende concreta la superficie del dipinto trasformandola in una tavola di cera: in lei coesistono un gusto per l’essenzialità e per riflessioni sul significato della parola scritta. Occultato, nascosto, reso indecifrabile nell’opalescenza della cera, lo scritto resta come in attesa, custodito e velato in un’intima cortina di protezione. In questa attesa ci mettiamo all’ascolto di una parola sul significato più profondo della vita, sul mondo e sul nostro desiderio di infinito.

Sotto un altro cielo

Le “icone” di Fausta Squatriti, come Zachor - In memoria. Ricordare per essere liberi e Ignota città tedesca di prima della guerra, creano molteplici ponti tra i drammi del passato e le guerre e le violenze di oggi. I diversi elementi di cui sono composte si aprono in questo modo a inattesi significati, a continue rivelazioni che diventano racconti, scoperte, intuizioni poetiche. L’autrice indica un percorso che ci introduce a una consapevolezza di quanto l’uomo contemporaneo sta vivendo, denunciando tematiche profondamente attuali, come il dolore, la violenza, la sopraffazione dell’uomo sul proprio fratello.

La mostra Sotto un Altro Cielo intende dunque indagare ricerche visive contemporanee, al femminile, nel desiderio di ripercorrere e riconoscere nuove strade, nuovi cammini rivolti a un’interiorità che diventino testimonianza di un desiderio di cambiamento del nostro mondo. Sotto un Altro Cielo diviene così simbolo di uno scavare dentro di noi, perché si riveli una nuova luce dell’umano.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit č realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessitŕ di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietŕ tra singoli e le comunitŕ, a tutte le attualitŕ... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicitŕ e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertŕ di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.