#105 - 22 settembre 2014
AAAAA ATTENZIONE - Questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 21 febbraio,quando lascerà il posto al numero 257. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: - Se sei felice non urlarlo, il dolore ha il sonno leggero - Trovo che la televisione sia molto educativa, ogni volta che qualcuno l'accende vado in un'altra stanza a leggere un libro (G.Marx) - Non c'è nulla di più facile che smettere di fumare, io stesso ho smesso già 137 volte! (M. Twain) - Quando voglio prendere una decisione di gruppo, mi ricordo di specchi (W. Buffet) - L'alcol uccide lentamente. Non c'è problema, non ho fretta! (G. Courteline) - Quando dicono che lo fanno per il tuo bene, generalmente è per il loro - L'uomo ha inventato la bomba atomica ma nessun topo costruirebbe una trappola per topi (E. Eistein) - E' un peccato che peccare sia peccato (F. Collettini) - E' ridicolo come ti sei bardato per questo mondo! (F. Kafka) -
Parchi e oasi dello spirito

Corsignano-Pienza (Siena)

La Pieve di Corsignano

di Dante Fasciolo

La Pieve di CorsignanoLa Pieve di Corsignano

A un chilometro dal centro abitato di Pienza, solitaria e suggestiva, isolata in un angolo di campagna davvero affascinante e senza tempo, ecco la vetusta Pieve di Corsignano, restaurata nel 1925, uno dei più belli esemplari di architettura romanica.
E' intitolata ai Santi Vito e Modesto. La presenza di un luogo di culto in questo sito è attestata già nel 714, da alcuni documenti riguardo ad una contesa tra il vescovo di Siena e il vescovo di Arezzo per il possesso di un Battistero di San Vito in Turiliano identificato come l'attuale pieve.
Successivamente, in documenti del 1029 e del 1044 la pieve viene indicata con il nuovo nome di San Vito in Corsiniano. Attualmente la chiesa è intitolata ai SS. Vito e Modesto anche se è nota come Pieve di Corsignano, antico nome di Pienza modificato nell'attuale da papa Pio II.

La Pieve di CorsignanoLa Pieve di Corsignano

Eretta nel VII secolo e ristrutturata nelle forme attuali nel XII-XIII secolo la pieve presenta un insolito campanile cilindrico ed è completamente costituita in blocchi di arenaria, tipica pietra locale. La facciata è a capanna, con un ornamento costituito da piccoli archetti in stile lombardo. Il portale, rustico, è ricco di decorazioni e simbolismi. E' contornato da due colonnette con motivi a spirale; i montanti, l'architrave e l'archivolta sono adornati da figure mitologiche, motivi floreali e figure animali che gli studiosi fanno risalire a tradizioni precristiane
Nella parte superiore della facciata è presente una bifora suddivisa da una cariatide rappresentante una figura femminile dai seni prosperosi, simbolo della fertilità. Nel contesto cristiano questa figura rappresenta sicuramente la Vergine, ma ci ricorda una Menade che nell'iconografia pagana era un simbolo della fertilità.
Nel fianco destro si apre un secondo portale decorato con bassorilievi che raffigurano scene del Presepio. A sinistra si erge il caratteristico campanile mozzato dall'insolita forma cilindirica che sembra essere stato costruito precedentemente alla struttura della chiesa e che forse ospitava l'originale tempio battesimale

La Pieve di CorsignanoLa Pieve di Corsignano

AFORISMI - Non possiamo pretendere che le cose cambino se continuiamo a fare sempre le stesse cose (A.Einstein) - Chi brucia libri, prima o poi, arriverà a bruciare anche esseri umani (H.Heine) - Chi ha cari i valori della cultura non può essere che pacifista (A. Einstein) - Se un uomo non ha ancora scoperto qualcosa per cui morire non ha ancora iniziato a vivere (M.L.King) - Spesso commette ingiustizia non solo colui che fa qualcosa ma anche colui che non la fa (Marco Aurelio) -