#143 - 14 dicembre 2015
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rester in rete fino alla mezzanotte del giorno 27 gennaio quando lascer il posto al numero 300. ORA per VOI un po' di SATIRA - Finch ti morde un lupo, pazienza; quel che secca quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Arte

Dal circo, al teattro, alla pittura: similitudini d'arte

Galleria Faber - Roma

A proposito di kokocinski

di Luigi Capano

A proposito di kokocinskiA proposito di kokocinski

Un ricordo di molti anni fa balzato fuori, chi sa come, da una incerta campitura terrigna, da un umido fondaco della memoria che di tanto in tanto lasci sfuggire un’immagine brunita , un guizzo di luce, un nitido lacerto di vita.

A proposito di kokocinskiA proposito di kokocinski

Il danzatore butoh Masaki Iwana in un piccolo teatro di Trastevere – il Teatro La Comunità di Giancarlo Sepe – nel buio fitto del proscenio, il corpo nudo, esile, pesantemente biaccato, avvolto da una luce fredda, sembra tentare goffamente, con tragica insistenza, di sollevarsi da terra. I movimenti, a tratti, frantumano l’immobilità del danzatore: brevi, appena percettibili, sincopati, convulsi.
Qui c’è un uomo che si confronta, di fronte a un pubblico silenzioso, con i propri fantasmi, con i vincoli atavici e genetici della propria drammatica umanità…il teatro ritorna ad essere vissuto come un ancestrale rito catartico.

A proposito di kokocinskiA proposito di kokocinski

Nella Galleria d’arte Faber (Via dei Banchi Vecchi 31, Roma) è in corso un’esposizione personale di Alessandro Kokocinski (dal 14 novembre al 13 dicembre), un artista di origine russo-polacca, dalla biografia complicata e avventurosa, residente in Italia ormai da oltre vent’anni e spesso presente con le sue opere inquiete e tragiche nelle gallerie d’arte della Capitale.

A proposito di kokocinskiA proposito di kokocinski

Pittore, scultore, disegnatore, poeta, scenografo e, in età giovanile, circense: un ingegno sfaccettato la cui vena creativa attraversa carsicamente i territori inferi di Goya e di Bacon. Il lontano ricordo coreutico che ha dato l’abbrivio a queste brevi riflessioni è sorto all’improvviso un pomeriggio di qualche giorno fa, quando girovagando per l’antico Rione Ponte, già addobbato a festa per l’imminente Natale, ho riconosciuto, dietro i vetri illuminati di una piccola galleria, l’inconfondibile segno apocalittico di Kokocinski che, per via di certe risonanze goyesche, ho sempre trovato prossimo alla mia sensibilità estetica, fin da quando i libri, ormai rari, di Eugenio D’Ors mi hanno fatto conoscere l’arte del geniale maestro aragonese. La oscuridad es la sangre de las cosas heridas recita Borges.

A proposito di kokocinskiA proposito di kokocinski

L’umanità ferita di Kokocinski appesa alle quinte oscure e terrigne di un circo grottesco e attonito, così come lo spettrale e claudicante danzatore butoh che cerca una via d’uscita nelle tenebre, appaiono come frammenti visivi di un canto primordiale, un canto di nostalgia sporcato dalla sofferenza di un’antica perdita. Chi si fosse trovato a passare, in una calda sera di luglio, per le austere vie del quartiere Salario, nei paraggi del Macro, sarebbe stato percosso dal roco lamento di un cante hondo, il canto profondo della cultura flamenca, simbolo della perenne tribolazione gitana, della stessa natura di quel grido che dà anima all’arte di Alessandro Kokocinski.

A proposito di kokocinski

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.