#104 - 15 settembre 2014
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero rester in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascer il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Editoriale

Daniza l’Orsa

di Dante Fasciolo

Il gatto, il cane, il canarino, ecco il “cerchio magico” degli animali ammesso nelle nostre case. Seguono distanziati il cavallo, la tartarughina, il criceto. Tutto il mondo animale di cui ci occupiamo è qui. Poco della mucca che offre il suo latte ogni mattina , poco della gallina che sforna per noi uova in quantità, ancor meno dell’asino, che pur fatica ancora bastonato.

Proviamo fascino per il cammello tra dune infuocate, e per la tigre, il leone, l’elefante padroni delle foreste, e un pizzico di simpatia per il lupo e l’orso dei nostri boschi…

..ecco, l’orso, parliamone. La vicenda della morte di Daniza nel Trentino ha segnato per tutti una profonda ferita: per quanti non ne conoscevano l’esistenza, per quanti la seguivano per servizio ogni giorno, per quanti ne chiedevano l’abbattimento per quanti ne invocavano la salvaguardia.

In un modo o nell’altro tutti abbiamo scoperto Daniza reo di una aggressione-difesa, e altre marachelle proprie della specie. “Fedina penale” sporca, per ciò meritevole di essere esiliata in area recinta sulla collina del Casteller, dove dovrebbero, invece, essere recinti i tanti politici ed amministratori della cosa pubblica per ben più gravi reati e fedine penali nere e incancellabili.

Daniza è morta: una ferita per la natura l’ambiente, l’equilibrio faunistico; una ferita per la cultura, l’ecologia, la biologia, una ferita che affonda nella nostra incapacità alla convivenza, e al rispetto, di tutti gli esseri viventi. Una sconfitta per tutti noi, piccati di intelligenza.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.